30/07/2009 09:00

Graduatorie d'istituto biennio 2009/2011: FAQ ministeriali del 27 luglio 2009

Il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca ha fornito, IN DATA 27.7.2009, ulteriori chiarimenti su specifiche problematiche afferenti la gestione delle domande di aggiornamento delle graduatorie di circolo e d’istituto finalizzate alle supplenze del personale docente ed educativo, per il biennio 2009/2011

1. Nella fase di unificazione della domanda cartacea e di quella online per lo stesso aspirante, il modello B segue il modulo cartaceo; è confermato, quindi, che la scuola che prende in carico la domanda è quella dove l’aspirante ha  presentato il modulo cartaceo?

Sì, è così ed è detto chiaramente nella normativa che il modello B deve essere destinato alla stessa scuola dove è stato presentato il modello cartaceo. Ciò anche quando la prima preferenza espressa non è relativa all’ordine superiore espresso in termini di graduatorie richieste. A tale fine l’Amministrazione ha anche richiesto di rimuovere tutti i controlli relativi alla prima preferenza espressa, onde evitare l’impossibilità di esprimere come sede quella, di fatto già espressa e immodificabile, a cui era già stata inoltrata la domanda cartacea.

2. La prima sede espressa deve necessariamente coincidere con la scuola dove ho presentato la domanda cartacea (mod. A1, A2, A2bis)?

Sì, la prima preferenza espressa, che coincide con la scuola destinataria della domanda, deve essere quella a cui è stato presentato entro il 30 giugno il modello cartaceo. Questo anche nei casi in cui questa disposizione è in contrasto con l’art. 6, punto A, comma 4, che prevede che l’istituzione scolastica indicata per prima, cui è indirizzata la domanda, deve appartenere al tipo di istituzione scolastica di grado superiore.

3. Inserimento convitto tra le sedi. Il sistema come lo considera?

Dipende da chi lo sta chiedendo (se un aspirante docente o un aspirante educatore) e da che tipo di convitto è (se nazionale, con istituti annessi, o annesso esso stesso a istituto). Il convitto annesso è richiedibile solo dal personale educativo, il convitto con istituti annessi è richiedibile anche dal personale docente, ovviamente per le tipologie di insegnamenti relativi agli istituti annessi.

4. Se l’aspirante presenta il cartaceo nella scuola “X” che non rientra tra le sedi espresse nel modello B cosa succede?

L’integrazione dei due pezzi di domanda è realizzata attraverso il codice fiscale al momento della presa in carico del modello B. Tale procedura non modifica la scuola competente per la valutazione, se questa risulterà già acquisita al sistema informativo. Succederà semplicemente che la scuola competente è diversa dalla prima preferenza espressa ma la domanda continua ad essere valida. Per i casi in cui il codice fiscale dei due “pezzi di domanda” non coincida la scuola ha a disposizione strumenti di controllo quali:

- elenco domande senza sedi

- elenco modelli B senza domanda.

Dalle verifiche incrociate potranno essere risolti i casi anomali.

5. Se un aspirante non presenta il modello B cosa succede?

La domanda è considerata valida limitatamente alla scuola destinataria della domanda che, in questo caso, vale anche come prima preferenza espressa, ovviamente per i soli insegnamenti impartiti su di essa.

6. A quali codici scuola fa riferimento la funzione di inserimento delle sedi?

La funzione fa riferimento ai codici degli istituti principali validi dal 1 settembre 2009/2010.

Sono gli stessi codici visualizzati dall’applicazione sedi esprimibili presente al link:

http://www.pubblica.istruzione.it/reclutamento/index_07.shtml

L’applicazione è preceduta da una ampia nota introduttiva che guida gli aspiranti docenti alla compilazione corretta del modello B.

7. Acquisizione modello A1, A2 e A2bis – come devo procedere per acquisire le domande del biennio 2009/2011?

I passi sono i seguenti:

- analizzare il modello di domanda e verificare se contiene graduatorie per cui l’aspirante dichiara di aver chiesto l’inclusione anche nelle graduatorie ad esaurimento oppure no;

- se sì, posticipare l’acquisizione ai prossimi giorni, dopo essersi assicurati che l’USP abbia prodotto le graduatorie definitive;

- se l’aspirante non ha chiesto l’inclusione nelle graduatorie ad esaurimento:

o verificare se l’aspirante ha graduatorie di nuova inclusione e procedere con l’acquisizione ex novo;

o verificare se l’aspirante ha graduatorie di precedente inclusione e, per queste, accedere allo storico e verificare se la graduatoria è nella stessa fascia e se il punteggio pregresso dichiarato dall’aspirante è corretto; se le condizioni sono tutte verificate, procedere con l’acquisizione riportando il punteggio totale dello storico nel punteggio precedente, e, ove presente, il punteggio totale titoli artistici nel punteggio precedente titoli artistici; procedere poi con l’imputazione dei soli nuovi titoli posseduti (servizi, altri titoli culturali, titoli artistici di strumento musicale); se il punteggio precedente dichiarato dall’aspirante non è corretto occorre che il dirigente scolastico proceda alle verifiche con la scuola capofila del precedente biennio, al fine di chiarire il punteggio da attribuire; ove il punteggio precedente sia stato omesso dall’interessato vale quello noto al sistema informativo. In tutti i casi descritti le domande devono essere digitate ex novo, anche se gli aspiranti erano già presenti nelle graduatorie d’istituto del precedente biennio.

8. Cosa deve intendersi il messaggio “HC-333 Attenzione non sono state comunicate le sedi per le graduatorie d’istituto”?

Il messaggio intende solo avvisare che le sedi non sono presenti sul sistema SIDI, tuttavia le stesse potrebbero essere state trasmesse sul sistema POLIS dagli aspiranti. Pertanto:

- prima della presa in carico del modello B, il messaggio è da ignorare;

- dopo la presa in carico del modello B, il messaggio potrebbe essere utile per identificare eventuali casi anomali (es. codice fiscale non coincidente con quello del modello A1 o A2 o A2bis presentato).

9. Come si deve registrare al sistema informativo il punteggio dei titoli artistici per le graduatorie di strumento musicale nella scuola media?

Al riguardo si veda la versione aggiornata al 23 luglio 2009 della guida operativa “graduatorie di circolo e di d’istituto per il personale docente ed educativo – come cambiano le funzioni”.

10. Come si calcola il punteggio del sostegno per le graduatorie di strumento musicale nella scuola media?

Il calcolo è diverso per le graduatorie di seconda fascia (che seguono la normativa delle graduatorie ad esaurimento, per cui occorre tenere conto di due diverse tabelle di valutazione) e per quelle di terza fascia (che seguono la tabella di valutazione per i non abilitati, che è una soltanto).

Per la seconda fascia si consiglia, in caso di difficoltà, di rivolgere il quesito ai nuclei di supporto provinciali; per la terza fascia, invece, essendo la tabella di valutazione unica, il calcolo è quello riportato nella versione aggiornata al 23 luglio 2009 della guida operativa “graduatorie di circolo e di d’istituto per il personale docente ed educativo – come cambiano le funzioni”.

11. E’ necessario validare la firma digitale del modello B come descritto alla FAQ n. 315 dell'istanza "Graduatorie d'istituto: modello B 2009"?

No, la FAQ è finalizzata solo a dare istruzioni a chi vuole che l'ente certificatore della firma sia riconosciuto sul personal computer dal quale opera. L'operazione non è obbligatoria né auspicabile. La firma è in ogni caso valida.

12. Come è da intendersi l’art. 9 del DM 56 del 28 maggio 2009, Pubblicazione graduatorie - Reclami – Ricorsi, quando dice "Preliminarmente alla pubblicazione delle graduatorie, viene pubblicato, nel rispettivo sito web di ciascuno Ufficio scolastico provinciale, un elenco complessivo di tutti gli aspiranti all’inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto con accanto l’elencazione delle sedi scolastiche prescelte da ciascun aspirante; gli aspiranti, esclusivamente in caso di riscontro di errori materiali rispetto a quanto da loro richiesto, possono, entro 5 giorni dalla pubblicazione dell’elenco medesimo, far pervenire apposita segnalazione alla scuola cui è stato indirizzato il relativo modello B chiedendo la correzione delle eventuali errate indicazioni."?

La tempistica condivisa con l'Amministrazione non considera questa fase, perchè gli "errori materiali" di trascrizione delle sedi sono superati dal fatto che la trasmissione è avvenuta via web. Pertanto non solo non sarà prodotta la stampa, ma le scuole non avranno proprio a disposizione le funzioni di aggiornamento delle sedi. L’unica funzione disponibile, relativa alle sedi espresse dagli aspiranti, sarà l’interrogazione.