26/02/2010 11:30

Continua “Book in Progress”: iniziativa contro il caro-libri

Si è estesa ad altri otto istituti l’iniziativa contro il caro libri "Book in Progress", promossa dall’Istituto "Majorana" di Brindisi e patrocinata dall’associazione dei consumatori Adoc.

Si è estesa ad altri otto istituti l’iniziativa contro il caro libri "Book in Progress", promossa dall’Istituto "Majorana" di Brindisi e patrocinata dall’associazione dei consumatori Adoc.

La realizzazione dei libri di testo da parte dei docenti e la stampa all'interno dell'istituto permette – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc - un risparmio di 200 euro rispetto ai tetti fissati dal Ministero. Secondo le stime dell'Adoc una scuola secondaria di II grado su due ha superato, quest'anno, i tetti di spesa per i testi scolastici, considerando esclusivamente il primo anno di frequenza. La spesa media per il primo anno di liceo si è attestata sui 335 euro, il 14,3% in più del tetto medio fissato. Per gli istituti tecnici la spesa media è stata del 10,9% al tetto fissato, per quelli professionali del 9,2%. Per quanto riguarda le scuole medie, il primo anno è costato in media 310 euro, l'8,3% in più di quanto previsto dal Ministero. La spesa per i libri assorbe circa il 40% dello stipendio medio mensile di un genitore, una cifra importante in un momento di crisi. Per questo l'Adoc, attraverso il Presidente della sede di Brindisi, Zippo, parteciperà domani al primo incontro della rete nazionale, sostenendo a gran voce l'iniziativa. Con l'auspicio che il sistema del "Book in Progress" sia sempre più adottato dalle scuole italiane".