21/04/2010 15:45

Equiparazione indennità di amministrazione personale M.U.R. e computo indennità di amministrazione ai fini della tredicesima

Con la nota prot. n. 7617 del 16 aprile 2010 il Miur intende fornire una risposta alle numerosissime istanze prodotte ai sensi delIa Legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni e richieste di tentativo obbligatorio di conciliazione.

Con la nota prot. n. 7617 del 16 aprile 2010 il Miur intende fornire una risposta alle numerosissime istanze prodotte ai sensi delIa Legge 241/90 e successive modifiche ed integrazioni e richieste di tentativo obbligatorio di conciliazione rivolte ad ottenere:

  1. l'inclusione dell'indennità di Amministrazione nel calcolo delIa tredicesima mensilita;

  2. Ie differenze retributive derivanti dall'equiparazione dell'indennità di amministrazione tra i dipendenti dell'ex Ministero dell'Universita e delIa Ricerca e quelli del Ministero delIa Pubblica Istruzione, unificati con D.L. n. 8512008, convertito nella legge n. 121 del 14/7/2008.

Per quanta attiene il punto A), la vigente normativa prevede l'erogazione dell'indennità di amministrazione per dodici mensilita a decorrere dall' 1.1.1995, nelle misure indicate nelle tabelle previste per ciascuna Amministrazione per dodici mensilitilà. Tale indennità ha carattere di generalita ed ha natura fissa e ricorrente.

Tra l’altro, sono numerose le sentenze che hanno affermato il principio dell'esclusione del calcolo dell'indennita di amministrazione nella tredicesima mensilita.

Per quanto riguarda il punto B), la materia è demandata per legge alIa negoziazione tra Ie parti. Il differente trattamento è dovuto a pregressi, distinti interventi normativi e differenti percorsi contrattuali negoziati dai due Ministeri con Ie controparti sindacali.

Inoltre, "Dal riordino delle competenze dei Ministeri e della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal loro accorpamento previsti dal presente decreto non deriva alcuna revisione dei trattamenti economici complessivi in atto corrisposti ai dipendenti trasferiti ovvero a quelli dell'amministrazione di destinazione che si rifletta in maggiori oneri per il bilancio dello Stato".

In conclusione, alle istanze concernenti la materia di cui s'argomenta non sara dato alcun diretto riscontro.