10/12/2009 08:45

Il Piemonte istituisce il Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza

Il Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza è stato previsto dalla Convenzione europea sui diritti del fanciullo allo scopo di vigilare sui fenomeni di esclusione sociale, di discriminazione dei bambini e degli adolescenti, con particolare attenzione agli ambienti esterni alla famiglia e in merito al fenomeno dei minori scomparsi.

Il Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza è stato previsto dalla Convenzione europea sui diritti del fanciullo allo scopo di vigilare sui fenomeni di esclusione sociale, di discriminazione dei bambini e degli adolescenti, con particolare attenzione agli ambienti esterni alla famiglia e in merito al fenomeno dei minori scomparsi.

Il Piemonte è tra le prime regioni italiane a dotarsi di questa figura, con l’approvazione a larghissima maggioranza della legge che lo istituisce nella seduta del 1° dicembre dell’Assemblea regionale.

Il provvedimento approvato prevede lo stanziamento di 200.000 euro annui per il biennio 2010-‘11 per intervenire concretamente a tutela dei diritti dei bambini sanciti dalle convenzioni internazionali e dalle leggi nei tanti ambiti di vita civile e in famiglia.

Tra le altre funzioni del Garante:

  • segnala ai servizi sociali e all’autorità giudiziaria situazioni che richiedono interventi immediati;

  • accoglie segnalazioni provenienti da scuole, associazioni ed enti fornendo informazioni sulla modalità di tutela dei diritti, anche attraverso una linea telefonica e promuove la realizzazione di servizi di informazione destinati all’infanzia;

  • esprime anche pareri e formula proposte su richiesta degli organi regionali, verificando inoltre, in collaborazione con il Corecom, la programmazione radiotelevisiva e la comunicazione a mezzo stampa, segnalando alle autorità delle comunicazioni eventuali trasgressioni.