28/12/2009 09:40

Le indicazioni per il programma annuale 2010

Con la nota prot. n. 9537 del 14 dicembre 2009 il Miur, Direzione generale per la politica finanziaria e per il bilancio, ha fornito indicazioni riepilogative per il Programma annuale per l’anno 2010.

Con la nota prot. n. 9537 del 14 dicembre 2009 il Miur, Direzione generale per la politica finanziaria e per il bilancio, ha fornito indicazioni riepilogative per il Programma annuale per l’anno 2010.

I modelli per la redazione del Programma annuale sono disponibili sulla rete INTRANET - area “Finanziamento scuole“ -, nonché sul sito www.pubblica.istruzione.it nell’area dedicata “Politica finanziaria e bilancio”.

Le scuole che per la tenuta della contabilità utilizzano il pacchetto applicativo SISSI dovranno completare la migrazione di dati gestionali al nuovo sistema SIDI Scuole entro il 31 gennaio 2010.

La somma destinata alle singole istituzioni scolastiche verrà erogato in quattro rate, indicativamente nei mesi di febbraio, maggio, agosto, novembre 2010 e dovrà essere iscritta all’aggregato d’entrata “02.01 Finanziamenti dallo Stato — Dotazione ordinaria” senz’altro vincolo di destinazione che quello prioritario per lo svolgimento delle attività di istruzione, di formazione e di orientamento proprie dell’istituzione.

Le scuole non potranno iscrivere ulteriori importi in entrata a carico della suddetta Direzione, se non dopo specifica comunicazione.

Solo in via eccezionale potranno essere attribuite altre risorse, previa verifica dell'effettiva inderogabilità dell'ulteriore fabbisogno (ad esempio, per il pagamento del personale supplente breve).

Un ulteriore importo verrà comunicato con la ripartizione delle risorse residuali di cui agli artt. 33, 62 e 87 del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (attualmente rimane infatti da definire la ripartizione su base nazionale della somma di circa 61 milioni).

La risorsa finanziaria complessiva non comprende i trasferimenti per il finanziamento:

  • dei contratti di servizio stipulati con i consorzi che impiegano lavoratori ex LSU;

  • dei contratti di collaborazione coordinata e continuativa con personale ex LSU;

  • delle attività complementari di educazione fisica.

 

Sono previste, inoltre, le seguenti ulteriori entrate:

  • all’inizio dell’a.s. 2010/11, per il finanziamento del contratto collettivo integrativo d’istituto per i mesi da settembre a dicembre;

  • nel mese di luglio, una somma pari alla differenza tra l’importo di euro 5.000 per ciascuna classe terminale presente in organico di diritto e l’effettiva spesa per le commissione per gli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore presso scuole statali e paritarie;

  • per le scuole sede degli esami di abilitazione all’esercizio della libera professione, una somma pari alla spesa affrontata per le commissioni, previa verifica delle sue regolarità;  

  • per la fruizione della mensa gratuita da parte del personale docente e ATA, il contributo da trasferire all’ente locale competente

 

Una parte dell’importo assegnato a ciascuna scuola, pari ad 8/12 di quanto comunicato con le note nn. 8370 e 8766 del 2009, va destinata al finanziamento del contratto collettivo integrativo d’istituto per i mesi da gennaio ad agosto. Detta risorsa, per la parte attinente gli insegnanti, “va prioritariamente orientata agli impegni didattici in termini di flessibilità, ore aggiuntive d’insegnamento, di recupero e di potenziamento.”

La spesa per i contratti di fornitura dei servizi di pulizia ed altre attività ausiliarie (c.d. ex appalti storici) deve essere prevista nella misura max del 75% del corrispettivo pattuito nel contratto in essere.

La rimanente somma è destinata alle spese per supplenze, funzionamento ed esami di Stato.