Tu sei qui: Home News 2012 maggio Organico di diritto 2012/13 secondaria di II grado
Organico di diritto 2012/13 secondaria di II grado News    

Organico di diritto 2012/13 secondaria di II grado

In riferimento all’apertura delle funzioni di elaborazione dell’organico di diritto 2012/13 per le scuole di istruzione secondaria di secondo grado, il Miur ha trasmesso l’allegato tecnico contenente la procedura da seguire per gli indirizzi per i quali sono presenti più classi di concorso e il sistema non può pertanto elaborare automaticamente l’organico.

 

Con riferimento alla nota 11 maggio 2012 prot. n. 2185 relativa all’apertura delle funzioni di elaborazione dell’Organico di Diritto 2012/13 per le scuole di istruzione secondaria di secondo grado, ora, con nota 22 maggio 2012 prot. n. 2455, il Miur trasmette l’Allegato Tecnico contenente la procedura da seguire per gli indirizzi per i quali il sistema non può elaborare automaticamente l’organico, in quanto presenti più classi di concorso delle tabelle A e D. Per queste classi di concorso l’Ufficio potrà effettuare l’opzione della classe di concorso interessata (c.d. elaborazione manuale).

 

Molte atipicità scaturenti dai nuovi insegnamenti confluiti nelle preesistenti classi di concorso risultano superiori a quattro e/o appartengono a tabelle diverse. Ciò non ha consentito di inserire nei piani orario del SIDI le materie interessate da tale fenomeno. Per completare l’assegnazione delle risorse sulle scuole è necessario quindi acquisire a SIDI il fabbisogno orario relativo a tali materie tramite l’utilizzo della procedura già utilizzata per le maxisperimentazioni (acquisizione Ore Residue Maxisperimentali)

 

Nel suddetto allegato sono elencate, per ciascun indirizzo interessato, le materie e relative classi di concorso con l’indicazione del contributo orario per classe/anno di corso.

 

Le scuole devono individuare le classi di concorso prescelte tra quelle previste per ciascuna disciplina e comunicare le relative cattedre o ore (in base al numero di classi) all’ufficio territorialmente competente; quest’ultimo procederà all’acquisizione dei dati al SIDI, in maniera analoga a quanto accade per gli indirizzi Maxisperimentali.

    25/05/2012 11:08