Tu sei qui: Home News 2013 aprile Esami di abilitazione 2013: nomine commissioni
Esami di abilitazione 2013: nomine commissioni News    

Esami di abilitazione 2013: nomine commissioni

Istruzioni per le nomine dei componenti nelle commissioni per gli Esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle libere professioni di perito agrario, perito industriale e geometra nella sessione 2013. Per dirigenti scolastici e docenti domande tramite SIDI dal 15 maggio al 12 luglio. Leggi l'approfondimento a cura della redazione.

 

Il Miur ha diramato la circolare n. 12 dell’11 aprile 2013 contenente le istruzioni per le  nomine dei componenti nelle  commissioni per gli Esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle libere professioni di perito agrario, perito industriale e geometra. Tali sessioni sono state indette con le OO. MM. del  5/03/2013, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale - quarta serie speciale - Concorsi ed Esami n° 20 del 12/03/2013, ed avranno inizio il 22 ottobre 2012. Le  disposizioni prevedono che gli aspiranti alla nomina di Presidente o componente delle Commissioni esaminatrici siano in possesso dei requisiti seguenti:

  • Presidenti: Docenti Universitari (di ruolo ordinario o straordinario; associati o fuori ruolo; in pensione) o Dirigenti Scolastici, a tempo indeterminato, di Istituto Tecnico corrispondente alle indicate tipologie di esame (per i Geometri anche con l’integrazione sotto indicata);
  • Membri: Professori, laureati e con contratto di lavoro a tempo indeterminato, delle Scuole secondarie superiori, docenti di specifiche discipline (come di seguito descritto).

Per ciascuna Commissione è richiesta, inoltre, la nomina di liberi Professionisti iscritti all’Albo e di componenti supplenti (Professori e liberi Professionisti) che sostituiscano quelli effettivi in caso di rinuncia degli stessi.

 

Presentazione delle domande

In allegato alla circolare sono riprodotti i moduli-domanda da utilizzare  (Modelli allegati: A/1 per i Docenti Universitari; A/2 per il personale della scuola).  È fatto divieto di presentare più di una domanda. È esonerato dalla presentazione della domanda il personale avente titolo alle agevolazioni ex art. 33 Legge n° 104/1992 (artt. 19 e 20 Legge n° 53/2000).

Le nomine verranno comunicate agli interessati nel modo che segue:

  • ai Docenti Universitari: a mezzo postale al domicilio indicato nel Modulo domanda;
  • al personale della scuola (Dirigenti Scolastici - Docenti componenti titolari e supplenti): a mezzo SIDI, per il tramite degli Uffici Scolastici Regionali (Provinciali per Trento e Bolzano), all’Istituto sede di servizio.

Non possono presentare domanda né accettare eventuale nomina, sia come titolare che in sostituzione, sia come membro aggregato:

  • i titolari di contratto di lavoro part-time;
  • coloro i quali siano stati destinatari di una sanzione disciplinare superiore alla censura inflitta nel
  • precedente, corrente o successivo anno scolastico o accademico;
  • coloro i quali si trovino in situazione di rilevata incompatibilità con candidato assegnato alla Commissione di nomina;
  • coloro i quali si trovino in una qualunque posizione di stato che comporti esonero o sospensione dal servizio nell’intero periodo di svolgimento della funzione ovvero in una parte dello stesso;
  • coloro i quali risultino collocati fuori ruolo o utilizzati in altri compiti;
  • coloro i quali (esclusi i Commissari liberi Professionisti) abbiano svolto nell’anno precedente, per nomina ministeriale ovvero del Presidente della Commissione (Commissari aggregati nelle Commissioni per Periti Industriali) o per sostituzione (subentro di membri supplenti o di altri), in tutto o in parte la funzione di Presidente o Commissario in Commissioni con sede nella medesima provincia e per la stessa tipologia d’esame (preclusione derogabile in sede di sostituzione);
  • coloro i quali, dipendenti di altre amministrazioni, non siano stati autorizzati ex art. 53 Decreto Legislativo n° 165/2001 (Docenti Universitari a tempo pieno).

Non si dà luogo alla nomina del personale che risulti indagato o imputato per reati particolarmente gravi comportanti incompatibilità con la nomina stessa o che si sia reso autore di comportamenti scorretti, contestati in sede disciplinare (personale della scuola), nel corso di precedenti esami.

I Docenti Universitari interessati, anche in pensione, provvedono a compilare un unico Modulo-domanda A/1 in ogni sua parte ed a consegnarlo in tempo utile all’Ufficio amministrativo dell’Università per gli adempimenti di competenza del Rettore, ed a inviarlo in copia all’Ufficio V  Direzione Generale, via fax al n° 06/ 58 49 39 45.

Le Università, entro il termine del 31 maggio 2013, trasmetteranno, con riferimento alla presente Circolare, mediante apposita distinta ed a mezzo raccomandata, le domande presentate dai Docenti a: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Dipartimento per l’Istruzione – Direzione Generale degli Ordinamenti Scolastici e dell’Autonomia Scolastica - Ufficio V, Viale Trastevere 76/a, 00153 Roma.

 

Dirigenti scolastici

Sono tenuti alla compilazione del Modulo-domanda A/2:

a) per la nomina nelle Commissioni giudicatrici degli Esami di abilitazione all'esercizio della libera professione di Geometra: i Dirigenti Scolastici degli Istituti Tecnici per Geometri e Commerciali e per Geometri, nonché quelli di qualunque altro tipo di Istituto Tecnico purché provenienti da cattedre di insegnamento comprese nelle classi di concorso 16/A, 58/A e 72/A;

b) per la nomina nelle Commissioni giudicatrici degli Esami di abilitazione all'esercizio della libera professione di Perito Industriale:  i Dirigenti Scolastici degli Istituti Tecnici Industriali;

c) per la nomina nelle Commissioni giudicatrici degli Esami di abilitazione all'esercizio della libera professione di Perito Agrario:  i Dirigenti Scolastici degli Istituti Tecnici Agrari.

I requisiti sopra indicati, legittimanti la nomina, devono essere posseduti non solo al momento della presentazione della domanda - a.s. 2012/13, ma anche in quello di svolgimento della funzione - a.s. 2013/2014.

Non possono presentare il Modulo-domanda A/2:

a. i Dirigenti Scolastici incaricati;

b. i Dirigenti Scolastici in pensione;

c. i Dirigenti Scolastici con sede di servizio diversa da quelle indicate - salva la detta eccezione per i Geometri;

d. i Dirigenti Scolastici provenienti da cattedre di insegnamento non comprese nelle dette classi di concorso per i Geometri;

e. i Dirigenti Scolastici di Istituto del tipo richiesto che non sia, però, sede di corsi di ordinamento di ITG, ITI o ITA ovvero di corsi sperimentali con corrispondenza, ex art. 279 Decreto legislativo n° 297/1994, a corsi di ITG, ITI o ITA;

f. i Dirigenti Scolastici che cessano dal servizio il 1° settembre 2013;

g. i Dirigenti Scolastici che rientrino tra le ipotesi indicate nelle preclusioni di cui sopra.

L’anzianità di servizio dei Dirigenti Scolastici, da indicare nel Modulo domanda, comprende solamente quella maturata, anche da incaricato, in posizione direttiva. La domanda  va compilata in duplice copia: l’originale resta agli atti dell’Istituto, mentre una copia viene trasmessa, per conoscenza, all’Ufficio Scolastico Regionale competente per territorio o alla Sovrintendenza di Trento o Bolzano.

 

Nomine dei Docenti

I Dirigenti Scolastici devono  far compilare integralmente il Modulo-domanda A/2 dai Docenti in possesso dei requisiti prescritti valutando  e concedendo  eventuali esoneri dalla presentazione della domanda per  particolari esigenze di servizio non diversamente tutelabili.  Le domande vanno inserite al SIDI.

Sono tenuti alla compilazione del Modulo-domanda A/2 i Professori, laureati e con contratto di lavoro a tempo indeterminato relativo a cattedre di istruzione secondaria superiore, docenti di:

  • costruzioni o Tecnologia delle Costruzioni, di Topografia o di Economia ed Estimo che insegnino nel corrente anno scolastico ed abbiano effettivamente insegnato tali discipline per almeno cinque anni compreso l’anno scolastico corrente negli Istituti Tecnici per Geometri, inclusi gli anni di insegnamento precedenti alla detta tipologia di contratto;
  • materie tecniche, comprese nelle classi di concorso indicate nel Modulo-domanda, che insegnino nel corrente anno scolastico e che, quindi, abbiano effettivamente insegnato, alla data di espletamento degli esami, tali discipline nei trienni degli Istituti Tecnici Industriali;
  • discipline agrarie, comprese nelle classi di concorso indicate nel Modulo-domanda, che insegnino nel corrente anno scolastico e che, quindi, abbiano effettivamente insegnato, alla data di espletamento degli esami, tali discipline nei trienni degli Istituti Tecnici Agrari.

Non possono presentare il Modulo-domanda A/2:

a. i Docenti con contratto di lavoro a tempo determinato;

b. i Docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ma non relativo a cattedre di istruzione secondaria superiore;

c. i Docenti in pensione;

d. i Docenti che non insegnino nel corrente anno scolastico le specifiche materie citate, oppure le insegnino attualmente, ma in tipologie di Istituti diverse da quelle indicate;

e. i Docenti con meno di 5 anni di effettivo insegnamento negli ITG ovvero con 5 anni, ma senza insegnamento in atto;

f. i Docenti che insegnino esclusivamente nei bienni degli ITI e degli ITA;

g. i Docenti che insegnino le materie specifiche in corsi sperimentali diversi da quelli sopraindicati;

h. i Docenti che cessano dal servizio (per dimissioni, etc.) il 1° settembre 2013;

i. i Docenti che si trovano in posizione di preclusione di nomina.

I Docenti medesimi, quindi, sottoscriveranno detto Modulo e lo consegneranno al Dirigente Scolastico dell’Istituto di titolarità o, nel caso insegnino in più Istituti, alla Scuola presso cui prestano il maggior numero di ore di servizio.

 

Sistema informativo

Le funzioni di acquisizione al Sistema Informativo dei dati relativi alle domande dei Dirigenti Scolastici e dei Docenti (Modelli A/2) saranno a disposizione, per gli adempimenti di rispettiva competenza, delle Istituzioni Scolastiche, dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte (per la Valle d’Aosta) e della Sovrintendenza di Bolzano dal 15 maggio al 12 luglio 2013 (termine ultimo inderogabile).

 

Criteri e fasi di nomina

Le nomine ministeriali dei Presidenti e dei Commissari-Docenti (per questi ultimi le nomine di tutti i titolari precedono quelle dei supplenti) vengono disposte nel seguente ordine:

a) Professori Universitari di ruolo ordinario o straordinario;

b) Professori Universitari associati o fuori ruolo;

c) Professori Universitari in pensione (di cui ai precedenti punti a e b);

d) Personale della scuola che non ha barrato la casella “solo in caso di necessità”;

e) Personale della scuola che ha barrato la casella “solo in caso di necessità”.

Le nomine saranno effettuate in tale sequenza:

1) assegnazione di sede in base alle preferenze espresse relative alle Province di abituale dimora e di servizio, nello stesso ordine in cui sono state indicate nel Modulo-domanda;

2) assegnazione d’ufficio, a partire dalla Provincia di abituale dimora e di servizio e, di seguito, Province limitrofe, Province limitrofe anche di altra Regione, Provincia di altra Regione.

Per eventuali  sostituzioni di Presidenti e componenti (effettivi e supplenti) rinunciatari e sempreché risultino esauriti o, comunque, non utilizzabili, per motivi di necessità ed urgenza, gli elenchi di risulta forniti dal Sistema Informativo, è possibile:

- ricorrere a personale che, pur in possesso di tutti i requisiti, non ha presentato, a tempo debito e per giustificato motivo, domanda da far acquisire al Sistema;

- derogare dal possesso di alcuni requisiti, come di seguito indicato, fermo restando che non sono, comunque, utilizzabili, come Presidenti, Dirigenti Scolastici incaricati e, come componenti, Docenti con contratto di lavoro non a tempo indeterminato. I Docenti in nessun caso possono essere nominati Presidenti di Commissione, funzione questa riservata esclusivamente a Dirigenti Scolastici e Professori Universitari. A parità di requisiti ed anche in caso di necessità ed urgenza ha, comunque, precedenza nella nomina il personale in servizio nell’Istituto sede d’esame, ove disponibile.

Sono utilizzabili,nell’ordine, come Presidenti:

  • Dirigenti Scolastici che acquisiscono tutti i requisiti richiesti ad iniziare dall’a.s. 2013/2014;
  • Dirigenti Scolastici, nell’a.s. 2013/2014, di Istituti di Istruzione secondaria superiore diversi da quelli sopra indicati, anche di altro ordine, purché con contratto dirigenziale in atto, e che in precedenza abbiano in altri anni diretto il tipo di Istituto legittimante la nomina;
  • Dirigenti Scolastici, nell’a.s. 2013/2014, di Istituti di Istruzione secondaria superiore diversi da quelli sopra indicati, anche di altro ordine, purché con contratto dirigenziale in atto;
  • Dirigenti Scolastici in pensione, di norma da non più di cinque anni, purché già titolari di contratto dirigenziale e non dispensati, destituiti o decaduti, con precedenza per coloro che abbiano diretto il tipo di Istituto legittimante la nomina,
  • Docenti, nell’a.s. 2012/13, di ITG con meno di 5 anni di insegnamento nelle materie prescritte a tutto l’anno scolastico corrente ovvero Docenti in altri Istituti con 5 anni o meno di insegnamento in ITG anteriori all’anno scolastico corrente;
  • Docenti delle materie prescritte che abbiano insegnato, nell’a.s. 2012/13 o precedenti, tali discipline negli Istituti Tecnici (ITA - ITI) corrispondenti alla tipologia di esame;
  • Docenti delle materie prescritte che insegnino, nell’a.s. 2013/14 ovvero abbiano insegnato nell’a.s. 2012/13 o precedenti, tali discipline in Istituto Tecnico diverso da quelli corrispondenti alla tipologia di esame (ITG - ITA - ITI);
  • Docenti delle materie prescritte che insegnino, nell’a.s. 2013/2014, tali discipline in Istituto Tecnico corrispondente alla tipologia di esame (ITG - ITA - ITI) o in Istituto diverso;
  • Pensionati, di norma da non più di cinque anni, purché già docenti delle materie prescritte e già titolari di contratto di lavoro a tempo indeterminato e non dispensati, destituiti o decaduti, con precedenza per coloro che abbiano insegnato negli specifici Istituti.

Andrea Manzoni

17/04/2013 12:37

Sicurezza nella scuola: i processi organizzativi e Sicurezza nella scuola: i servizi e i ruoli

Disponibili in formato eBook (consultabile su telefono o tablet Android, iPad, iPhone, PC, Mac). Altri eBook Tecnodid in catalogo.