Tu sei qui: Home News 2013 gennaio Adozione libri di testo a.s. 2013/14
Adozione libri di testo a.s. 2013/14 News    

Adozione libri di testo a.s. 2013/14

Al fine di agevolare i collegi docenti nella scelta dei libri di testo nelle scuole statali di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2013/2014, il Miur ha fornito alcune indicazioni operative, alla luce della legge n. 221/2012.

 

La nota 25 gennaio 2013 prot. n. 378 fa presente che le innovazioni introdotte dall’articolo 11 della legge n. 221/2012 prevedono, per le nuove adozioni, a decorrere dalle scelte effettuate nell’anno scolastico 2013-2014, a valere per l’anno scolastico 2014-2015, libri di testo in una nuova versione digitale o mista. Tale obbligo si applica tuttavia a partire, progressivamente, dalle classi prima e quarta della scuola primaria, dalla prima classe della scuola secondaria di I grado e dalla prima e dalla terza classe della scuola secondaria di II grado.

In merito ai libri di testo per l’insegnamento della religione cattolica, in data 16 ottobre 2012 è stato pubblicato il DPR 20 agosto 2012, contenente le “Indicazioni didattiche per l'insegnamento della religione cattolica nel secondo ciclo di istruzione”, da applicare a partire dalle classi prime nel prossimo anno scolastico 2013-2014. Per quanto riguarda l’adozione di nuovi libri di testo occorre tenere presente gli stessi devono essere provvisti del nulla osta della Conferenza episcopale italiana e dell'approvazione dell'ordinario competente.

 

Le adozioni dei testi scolastici sono deliberate dal collegio dei docenti nella seconda decade di maggio per tutti gli ordini e gradi di scuola.

La scelta dei libri di testo resta disciplinata, per la restante parte, dalla circolare 10 febbraio 2009, n. 16, con l’ulteriore precisazione che le istituzioni scolastiche paritarie possono adottare, ove ritenuto opportuno, le medesime modalità di adozione dei testi scolastici.

28/01/2013 09:31

Procedimenti disciplinari

di Mario Rossi

Col Dlgs. n. 150/2009 i Dirigenti Scolastici assumono nei confronti dei propri dipendenti una competenza del tutto nuova, diretta ed esclusiva: quella di avviare, istruire, gestire e concludere l'azione disciplinare con la decisione finale nella maggior parte dei casi: di questo si occupa il testo, affrontando scientificamente e con chiarezza tutti gli argomenti.