Tu sei qui: Home News 2013 maggio Aule scolastiche e rischi per malattie respiratorie
Aule scolastiche e rischi per malattie respiratorie News    

Aule scolastiche e rischi per malattie respiratorie

Trasmesse le Linee di indirizzo per la prevenzione nelle aule scolastiche dei fattori di rischio per allergie ed asma. Il documento fornisce elementi conoscitivi sui principali fattori di rischio e delinea un quadro degli interventi preventivi da realizzare nelle scuole.

Alcuni studi condotti in Europa hanno dimostrato che l'asma, di cui soffrono bambini ed adolescenti, è associata a numerosi fattori presenti nell'ambiente scolastico: umidità, muffe, composti organici volatili, formaldeide, allergeni e batteri. Altro dato rilevato da queste ricerche è l'influenza negativa che la cattiva qualità dell'aria e le condizioni microclimatiche non ottimali possono avere sulla performance scolastica di questi allievi.

Con accordo 7 febbraio 2013 n. 55 sancito in Conferenza Stato-Regioni è stata definita la "Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all'igiene degli impianti di trattamento ad aria".

Il documento, trasmesso con nota 2 maggio 2013 prot. n. 2807, non solo fornisce elementi conoscitivi sui principali fattori di rischio presenti nell'aria degli edifici scolastici, ma delinea anche un quadro integrato di interventi da realizzare nelle scuole per limitare il contatto dei minori allergici con i fattori di rischio più gravi.

Per facilitare l'attuazione del provvedimento richiamato, la GARD Italia, componente italiana dell'Alleanza Globale contro le Malattie Respiratorie croniche, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha elaborato il documento tecnico "La qualità dell'aria nelle scuole e i rischi per malattie respiratorie e allergiche. Quadro conoscitivo sulla situazione italiana e strategie di prevenzione". Il documento fornisce ulteriori elementi di conoscenza sulla qualità dell'aria nelle scuole oltre a una serie di raccomandazioni e proposte operative, utili soprattutto alle autorità scolastiche ed a tutto il personale della scuola, finalizzate a promuovere salute e benessere nella scuola e, in primo luogo, a ridurre i principali fattori di rischio ambientali dannosi per la salute dei nostri studenti.

    06/05/2013 12:42