Tu sei qui: Home News 2013 dicembre Docenti inidonei: le disposizioni del Decreto Scuola
Docenti inidonei: le disposizioni del Decreto Scuola News    

Docenti inidonei: le disposizioni del Decreto Scuola

Dopo la circolare del MEF sulle commissioni di verifica, anche il Miur ha diramato istruzioni in merito all’attuazione delle disposizioni contenute nell’art. 15 del Decreto Scuola, che disciplina lo stato giuridico del personale docente dichiarato permanentemente inidoneo all’espletamento della funzione di docente, ma idoneo ad altre mansioni.

Con nota 3 dicembre 2013 prot. n. 13000 il Miur ricorda che, in base al Decreto Scuola (D.L. n. 104/2013, conv. con modif. in L. n. 128/2013), entro il 20 dicembre il personale docente che alla data di entrata in vigore del suddetto decreto, è già stato dichiarato permanentemente inidoneo alla propria funzione per motivi di salute, ma idoneo ad altri compiti, è sottoposto a nuova visita da parte delle commissioni mediche competenti, per una nuova valutazione dell’іnіdoneіtà. In esito a tale visita, ove la dichiarazione di inidoneità non sia confermata, il personale interessato torna a svolgere la funzione di docente; ove, viceversa, venga confermata l’inidoneità, il suddetto personale può, su istanza di parte, transitare nei profili professionali di assistente amministrativo o di assistente tecnico ovvero, in assenza di istanza o, nell’ipotesi in cui l’istanza non possa essere accolta per indisponibilità di posti, presentare domanda di mobilità intercompartimentale in ambito provinciale. L’istanza dovrà essere presentata, con modalità cartacea, all’Ufficio Scolastico Regionale della provincia di titolarità entro 30 giorni dalla data di conferma della dichiarazione di inidoneità.

Il suddetto personale può comunque chiedere, senza essere sottoposto a nuova visita, di transitare nei profili professionali di assistente amministrativo e di assistente tecnico ovvero, in assenza di tale istanza o, nell’ipotesi in cui l’istanza non possa essere accolta per indisponibilità di posti, può presentare domanda di mobilità intercompartimentale in ambito provinciale. In questo caso, le relative istanze dovranno essere inoltrate al competente Direttore dell’ufficio scolastico Regionale utilizzando il modello A allegato alla nota entro il 15 dicembre.

Nelle more dell’applicazione della mobilità intercompartimentale e comunque fino alla conclusione dell’anno scolastico 2015-2016, tale personale potrà essere utilizzato per le iniziative di cui all’art. 7 del citato Decreto o per ulteriori iniziative per la prevenzione della dispersione scolastica ovvero per attività culturali e di supporto alla didattica, anche in reti di istituzioni scolastiche. Il personale interessato dovrà compilare l’allegato modello B.

Gli UU.SS.RR. comunicheranno alla Direzione Generale per il Personale Scolastico del Miur l’entità delle istanze pervenute utilizzando l’allegato modello C, da inviare agli indirizzi di posta elettronica giovanna.lorido@istruzione.it  e gianna.diberardino@istruzione.it .

04/12/2013 11:05

Sicurezza nella scuola: i processi organizzativi e Sicurezza nella scuola: i servizi e i ruoli

Disponibili in formato eBook (consultabile su telefono o tablet Android, iPad, iPhone, PC, Mac). Altri eBook Tecnodid in catalogo.