07/12/2011 14:46

Rinnovo inventari beni appartenenti alle scuole statali

Il Miur ha impartito apposite istruzioni per effettuare il rinnovo decennale degli inventari dei beni posseduti dalle istituzioni scolastiche statali.

A seguito dell'acquisizione della personalità giuridica e dell'autonomia amministrativa, alle Istituzioni scolastiche statali è stata riconosciuta la capacità di essere titolari di diritti reali su beni immobili e mobili. La gestione dei beni è disciplinata dal decreto interministeriale 1° febbraio 2001, n. 44, recante il Regolamento concernente le «Istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle Istituzioni scolastiche».

Il suddetto 'Regolamento' statuisce che almeno ogni dieci anni si deve provvedere al rinnovo degli inventari ed alla rivalutazione dei beni posseduti. Il termine decennale per espletare le operazioni inerenti alla rinnovazione degli inventari va individuato con riferimento alla situazione dei beni esistente al 31 dicembre 2011.

Le istruzioni, impartite dal Miur con nota 2 dicembre 2011 prot. n. 8910, riguardano tutte le Istituzioni scolastiche statali (ivi inclusi i Convitti annessi) - comprese quelle di nuova istituzione o interessate da provvedimenti, anche recenti, di dimensionamento - dotate di personalità giuridica e per le quali sono applicabili le disposizioni contenute nel 'Regolamento'.

Le istruzioni attengono solo ai beni che costituiscono il patrimonio di tali Istituzioni scolastiche statali. I beni posseduti devono essere iscritti in distinti inventari:

  • beni mobili;
  • beni immobili;
  • beni di valore storico-artistico;
  • libri e materiale bibliografico;
  • valori mobiliari.

I beni sono iscritti negli inventari a prescindere dal loro valore, sempreché non siano classificabili quali oggetti fragili e di facile consumo.

Le scritture relative al rinnovo inventariale devono basarsi su una ricognizione fisica dei beni posseduti effettuata da una apposita Commissione, da nominare con provvedimento formale del Dirigente Scolastico.

Le attività e i lavori della 'Commissione' devono essere sintetizzati in apposito processo verbale conclusivo, da redigersi utilizzando i modelli allegati alla suddetta nota.

Tutta la documentazione dovrà rimanere agli atti dell'Istituzione scolastica statale e dovrà essere trasmessa in copia - quale allegato al conto consuntivo relativo all'esercizio finanziario 2011 - al competente Ufficio Scolastico Regionale. Detta trasmissione sarà effettuata, previa trasformazione in documenti digitali, con modalità telematiche.