19/10/2015 09:55

Carta del docente per l'aggiornamento e la formazione

Il Decreto Presidente Consiglio Ministri del 28.11.2016 disciplina le modalità di assegnazione e utilizzo della Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado per l’a.s. 2016/17.

Essendo stata ravvisata la necessità di ridefinire alcune modalità di fruizione della carta del docente, rispetto a quelle contenute nel precedente dPCM del 23.09.2015, opportunamente si è tenuto conto:

a) del nuovo sistema pubblico di gestione dell'identità digitale (SPID),

b) della normativa vigente in materia di riuso di programmi informatici o di parte di essi e, in particolare, dell’applicazione web 18App, utilizzata per un servizio analogo e che garantisce al suo interno il sistema di rendicontazione,

c) del parere del Garante per la protezione dei dati personali; titolare del trattamento dei dati personali, effettuato attraverso l'applicazione web dedicata e connesso allo svolgimento dei propri compiti istituzionali, e' il MIUR.

Il valore nominale di ciascuna Carta è pari all'importo di 500 euro annui.

 

Cosa è

In sintesi la Carta è un’applicazione web, utilizzabile tramite accesso alla rete Internet, che richiede la registrazione delle due categorie che se ne avvalgono:

  • i docenti beneficiari della Carta,

  • le strutture/gli esercenti/gli enti accreditati presso il Miur attraverso i quali è possibile utilizzare la Carta.

Nell'area riservata di ciascun docente registrato, la Carta consente l'emissione di buoni di spesa elettronici, associati all’acquisto di beni o servizi consentiti da effettuarsi presso le strutture, gli esercenti e gli enti accreditati.

 

I beneficiari

La Carta è assegnata ai docenti a tempo indeterminato delle sole scuole statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi

  • docenti che sono in periodo di formazione e prova;

  • docenti dichiarati inidonei per motivi di salute (art. 514 d.lgs. 16.04.1994, n. 297, e successive modificazioni);

  • docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti utilizzati;

  • docenti nelle scuole all’estero;

  • docenti delle scuole militari.

La Carta non è più fruibile all'atto della cessazione dal servizio.

L'identità dei docenti, senza altra incombenza burocratica, è garantita attraverso l'attribuzione dell'identità digitale (SPID).

 

L’uso della Carta

La Carta è utilizzabile presso le strutture, gli esercenti e gli enti che si iscrivono nella piattaforma, per acquistare i seguenti beni e servizi, attraverso buoni di spesa generati dall’applicazione web dedicata:

  1. libri e testi, anche in formato digitale, pubblicazioni e riviste comunque utili all’aggiornamento professionale;

  2. hardware e software;

  3. iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati MIUR;

  4. iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale;

  5. titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;

  6. titoli per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo;

  7. iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione.

Il docente, oltre a scegliere il bene/servizio da acquistare, avrà ben poche incombenze:

  • la struttura/esercente/ente, registrata e inserita nell'apposito elenco consultabile attraverso l'applicazione web dedicata, riceve la somma spesa dal docente direttamente da CONSAP, che provvede al riscontro delle fatture e alla liquidazione delle stesse;

  • l'applicazione web mette a disposizione la reportistica, presumibilmente pre-compilata, necessaria per la rendicontazione delle spese effettuate.

 

Le somme già spese tra settembre/novembre 2016

Le spese, relative all’anno scolastico 2016/2017 già sostenute dal personale docente, sono registrate e comunicate al MIUR tramite l’applicazione. Tali somme saranno erogate agli interessati, previa rendicontazione, dalle istituzioni scolastiche nel momento in cui riceveranno gli importi.

 

Le somme dell’a.s. 2015/16 non spese entro il 31 agosto 2016

Queste disponibilità vanno improrogabilmente utilizzate e rendicontate entro il 31 agosto 2017 (decreto MIUR e MEF n. 642 del 9.08.2016). Qualora le somme non siano rendicontate al 31 agosto 2017 saranno recuperate a valere sull’erogazione dell’anno scolastico 2017/2018; le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili sono recuperate a valere sulle risorse disponibili sulla Carta con l’erogazione riferita all’anno scolastico successivo.

 

Le somme non spese nell’a.s. 2016/17

Le somme non spese entro la conclusione dell’anno scolastico di riferimento sono rese disponibili nella Carta dell’anno scolastico successivo, in aggiunta alle risorse ordinariamente erogate. Le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili sono recuperate a valere sulle risorse disponibili sulla Carta con l’erogazione riferita all’anno scolastico successivo.


Susanna Granello



Tecnodid editrice è Ente di formazione accreditato presso il Ministero dell’Istruzione (D.M. 26/07/2007, e conforme ai requisiti previsti dalla Direttiva 170/2016) e regolarmente registrato sulla piattaforma "Carta del docente". È possibile utilizzare la carta del docente per l’acquisto di abbonamenti alle riviste, libri (anche digitali) e corsi di aggiornamento/formazione.