22/10/2014 11:28

Sistema Nazionale di Valutazione: la circolare

A partire da quest'anno tutte le scuole sono coinvolte in un processo graduale che manderà a regime, entro l'a.s. 2016/17, il Sistema Nazionale di Valutazione (SNV). Il Miur ha emanato la circolare di accompagnamento alla direttiva del 18 settembre scorso, contenente le priorità strategiche della valutazione. Entro luglio 2015 le scuole produrranno il loro primo Rapporto di autovalutazione secondo un format che sarà reso disponibile da fine ottobre.

La direttiva 18 settembre 2014 n. 11 definisce:

  • le priorità strategiche della valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione, che costituiscono il riferimento per le funzioni di coordinamento svolte dall'INVALSI;
  • i criteri generali per assicurare l'autonomia del contingente ispettivo;
  • i criteri generali per la valorizzazione delle scuole del sistema scolastico nazionale, statali e paritarie, nel processo di autovalutazione.

 

La circolare 21 ottobre 2014 n. 47, di trasmissione della direttiva, rimarca che l'approccio sarà graduale e per fasi temporali successive, proprio perché per la prima volta e in tutte le scuole si introdurranno nuovi strumenti di lavoro.

 

N.

Fasi

Attori

A.S. 2014/2015

A.S. 2015/2016

A.S. 2016/2017

1.a.

Autovalutazione

Tutte le scuole

x

x

x

1.b.

Valutazione esterna

Circa 800 scuole all’anno

 

x

x

1.c.

Azioni di miglioramento

Tutte le scuole

 

x

x

1.d.

Rendicontazione sociale

Tutte le scuole

 

 

x

 

Quindi fornisce le prime indicazioni di massima dettagliate anno per anno. In particolare ciò che interessa nell’immediato tutte le scuole è la redazione e pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione.

Tutte le istituzioni scolastiche elaboreranno nel corso del primo semestre 2015, attraverso un modello online, il Rapporto di autovalutazione (d'ora in avanti, "RAV"), arricchito da una sezione appositamente dedicata all'individuazione di priorità strategiche e dei relativi obiettivi di miglioramento.

A tal fine, le scuole si doteranno di un'unità di autovalutazione, costituita preferibilmente dal dirigente scolastico, dal docente referente della valutazione e da uno o più docenti con adeguata professionalità individuati dal Collegio dei docenti.

Il format del RAV, di competenza dell’INVALSI, è stato elaborato a partire da modelli sperimentati in oltre 1.500 scuole. Esso è stato predisposto, con successive revisioni e semplificazioni, tenendo conto non solo del contributo di esperti della materia, ma anche delle osservazioni formulate dalle scuole che hanno partecipato alle sperimentazioni.

Il format del RAV sarà disponibile da fine ottobre.