Tu sei qui: Home Istruzione Scuola e famiglia a cura di Cinzia Olivieri Adozioni libri di testo (10.04.2014)
Adozioni libri di testo (10.04.2014) Istruzione    

Adozioni libri di testo (10.04.2014)

Organi competenti per l’adozione

L’art. 7 del Dlgs 297/94 comma 2 lettera e) afferma che il collegio dei docenti provvede all'adozione dei libri di testo, sentiti i consigli di interclasse o di classe.

Quindi la proposta viene dai consigli di classe ed interclasse i quali operano nella loro composizione perfetta, dunque anche con la componente genitori e l’adozione avviene con delibera del collegio.

Le delibere che prevedono uno sforamento nei limiti del 10% dei tetti di spesa devono essere approvate dal Consiglio di Istituto.

 

Condivisione nell’adozione

Considerando che la spesa per l’acquisto dei libri di testo grava sulle famiglie (in particolare nel secondo grado di istruzione) e che prevalentemente nel primo grado i genitori assistono i figli nello svolgimento dei compiti, può essere utile e proficua la collaborazione  e condivisione nella scelta ascoltando le loro opinioni e tenendo presenti i bisogni e gli interessi degli studenti.

In particolare i genitori manifestano comprensibili difficoltà nella condivisione a causa della scarsa informazione.

Ecco perché i contenuti delle ultime disposizioni, anche per le loro innovazioni, sono di seguito riportati in maniera schematica e semplificata.

 

Tempi per l’adozione

Le adozioni dei testi scolastici sono deliberate nella seconda decade di maggio per tutti gli ordini e gradi di scuola.

 

Scelta dei testi scolastici (art. 6, comma 1, L. 128/2013)

Il collegio può adottare libri di testo ovvero strumenti alternativi, in coerenza con il piano dell'offerta formativa, con l'ordinamento scolastico e con il limite di spesa stabilito.

 

Realizzazione diretta di materiale didattico digitale (art. 6, c. 1, L. 128/2013)

Entro la fine dell’anno scolastico 2013-14 il Ministero emanerà le linee guida contenenti le indicazioni necessarie per l'elaborazione del materiale didattico digitale per specifiche discipline da utilizzare come libri di testo e strumenti didattici come previsto dall’art. 6 comma 1 L128/13.

L'elaborazione di ogni prodotto è affidata ad un docente supervisore che garantisce la qualità dell'opera sotto il profilo scientifico e didattico che dovrà essere registrata con licenza e inviata al Ministero nonché resa disponibile a tutte le scuole statali, anche adoperando piattaforme digitali già preesistenti.

 

Abolizione vincolo pluriennale di adozione (art. 11 L. 221/2012)

A decorrere dalle adozioni per l'anno scolastico 2014/2015 sono abrogati il vincolo temporale di adozione dei testi scolastici nonché il vincolo quinquennale di immodificabilità dei contenuti dei testi. Pertanto è possibile confermare i testi scolastici già in uso, ovvero procedere a nuove adozioni per le classi prime e quarte della scuola primaria, per le classi prime della scuola secondaria di primo grado, per le classi prime e terze e, per le sole discipline in esse previste, per le classi quinte della scuola secondaria di secondo grado.

 

Libri in versione digitale o mista

In caso di nuove adozioni, i collegi dei docenti adottano libri nelle versioni digitali o miste, previste nell'allegato al decreto ministeriale n. 781/13 (versione cartacea accompagnata da contenuti digitali integrativi; versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi; versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi).

 

Primo ciclo di istruzione (art. 5, DM n. 254/2012)

I libri di testo per la prima e la quarta classe della scuola primaria e per la prima classe della scuola secondaria di primo grado devono risultare rispondenti alle Indicazioni nazionali.

 

Testi consigliati (art. 6, comma 2, L. 128/2013)

I testi consigliati - tra i quali non rientrano i libri di testo - possono essere indicati dal collegio solo nel caso in cui rivestano carattere monografico o di approfondimento come l'eventuale adozione di singoli contenuti digitali integrativi ovvero la loro adozione in forma disgiunta dal libro di testo.

 

Riduzione tetti di spesa scuola secondaria (DM n. 781/2013)

Per le classi prime di scuola secondaria di primo grado e per le classi prime e terze di scuola secondaria di secondo grado il tetto di spesa viene ridotto:

  • del 10%, rispetto a quanto sarà definito con apposito decreto, rivalutando i tetti di spesa individuati per le adozioni dell'anno scolastico 2012/2013 (di cui al DM n. 43/2012), solo se tutti i testi adottati per la classe sono di nuova adozione e realizzati nella versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista di tipo b - punto 2 dell'allegato al DM 43/12);
  • del 30%, nei termini sopra indicati, solo se tutti i testi adottati per la classe sono di nuova adozione e realizzati nella versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale di tipo c - punto 2 dell'allegato al DM 43/12).

 

Rispetto tetti di spesa (DM n. 781/2013)

Eventuali sforamenti degli importi relativi ai tetti di spesa della dotazione libraria obbligatoria nella secondaria di primo e secondo grado debbono essere contenuti entro il limite massimo del 10 per cento e le relative delibere di adozione debbono essere adeguatamente motivate da parte del Collegio dei docenti e approvate dal Consiglio di istituto.

La L. n. 221/12 ha previsto che la delibera di adozione del collegio dei docenti è soggetta, per le istituzioni scolastiche statali e limitatamente alla verifica del rispetto del tetto di spesa, al controllo successivo di regolarità amministrativa e contabile, ai sensi dell'art. 11 del Dlgs n. 123/2011.

 

Prezzi di copertina libri di testo scuola primaria e Specifiche tecniche testi cartacei (DM n. 781/2013)

I prezzi di copertina dei testi scolastici per la scuola primaria sono determinati dal DM n. 781/13 il cui allegato determina anche le specifiche tecniche relative alla parte cartacea dei testi scolastici della scuola primaria.