IperTesto Unico IperTesto Unico
02/02/2020

Formazione insegnanti

Mariella Spinosi

Nuove priorità per migliorare il sistema d'istruzione

La legge 107/2015 ha modificato sostanzialmente l'approccio alla formazione e allo sviluppo professionale. Partiamo dal comma 124 che "sancisce" il principio della formazione in servizio dei docenti di ruolo come azione "obbligatoria, permanente e strutturale" e che impone, contestualmente, alle scuole di inserire nel PTOF proposte non solo per i docenti ma per tutto il personale della scuola (comma 12).

Successivamente, all'inizio del 2016, una nota del 7 gennaio, prot. n. 35 aveva anche fornito Indicazioni orientative per la definizione del piano triennale per la formazione del personale. Con un ulteriore provvedimento (prot. n. 2915 del 15 settembre 2016) il MIUR riepilogava il nuovo assetto per la formazione in servizio riconoscendo i principi e anticipando le priorità (che poi saranno meglio esplicitate nel piano nazionale). Qui si parlava anche di unità formative e si fornivano le prime indicazioni di tipo organizzativo per gli Uffici Scolastici Regionali.

Il messaggio sembra essere chiaro: non si può più perdere tempo né, tanto meno, pensare alla formazione come una azione marginale e/o opzionale. Bisogna puntare sullo sviluppo professionale dando segnali di garanzie, testimoniando responsabilità, mettendo in evidenza l'importanza dell'interazione tra azioni istituzionali (centro nazionale, snodo regionale e rete territoriale, istituzioni scolastiche autonome) ed iniziative specifiche dei singoli operatori della scuola, volte ad enfatizzare le responsabilità e gli aspetti vocazionali di ciascuno.

La legge 107/2015 non si limitava solo ad alcune dichiarazione di principio, ma le accompagnava con la messa a disposizione di 381 milioni di euro (DPCM 23 settembre 2015) da assegnare direttamente ai docenti (500 euro ogni anno), per sostenere la loro formazione continua e per valorizzare le loro competenze professionali. Inoltre, furono anche aumentat

Per proseguire con la lettura è necessario accedere al sito.