IperTesto Unico IperTesto Unico
12/09/2022

Scuola digitale - Scuola in chiaro

Sergio Auriemma

Il quadro normativo di riferimento

Le norme concernenti lo sviluppo delle tecnologie digitali nelle scuole hanno evidenti derivazioni dal diritto dell'Unione Europea (UE) ed è opportuno, perciò, introduttivamente inquadrarle in detto contesto.

In generale, la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 18 dicembre 2006 ha individuato le competenze chiave per l'apprendimento permanente (2006/962/CE).

Le otto competenze - intese come combinazione di conoscenze , abilità e attitudini di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l'inclusione sociale e l'occupazione - sono:

1) comunicazione nella madrelingua;

2) comunicazione nelle lingue straniere;

3) competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia;

4) competenza digitale;

5) imparare a imparare;

6) competenze sociali e civiche;

7) spirito di iniziativa e imprenditorialità;

8) consapevolezza ed espressione culturale.

Molte di esse si sovrappongono e sono correlate tra loro: aspetti essenziali ad un ambito favoriscono la competenza in un altro.

La competenza digitale , secondo la definizione europea, consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell'informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione.

Detta competenza è supportata da abilità di base concernenti l'uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti collaborative tramite Internet.

Se si presta attenzione alle conoscenze, alle abilità ed alle attitudini essenziali legate alla competenza in discorso, si osserva che la stessa:

- presuppone una solida conoscenza della natura, del ruolo e delle opportunità delle TSI nel quotidiano, quali le principali

Per proseguire con la lettura è necessario accedere al sito.