IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 05.11.2019, n. 33068

Premio scuola digitale per l'anno scolastico 2019-2020. Presentazione dell'iniziativa.

Il Premio Scuola Digitale è una iniziativa del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che intende promuovere l'eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell'apprendimento e nell'insegnamento, incentivando l'utilizzo delle tecnologie digitali nel curricolo, secondo quanto previsto dal Piano nazionale per la scuola digitale, e favorendo l'interscambio delle esperienze nel settore della didattica innovativa.

La prima edizione del Premio, svoltasi nell'anno scolastico 2018-2019, ha previsto la partecipazione di oltre 1.500 istituzioni scolastiche del secondo ciclo di istruzione che hanno proposto o realizzato progetti innovativi, caratterizzati sia da un alto contenuto di conoscenza, tecnica o tecnologica, anche di tipo imprenditoriale, sia da una forte innovazione didattico/metodologica.

La seconda edizione del Premio Scuola Digitale si svolgerà nel corrente anno scolastico e sarà rivolta a tutte le istituzioni scolastiche, prevedendo una articolazione in due sezioni: primo ciclo e secondo ciclo. Le istituzioni scolastiche potranno candidare progetti che propongano modelli didattici innovativi e sperimentali, percorsi di apprendimento curricolari ed extracurricolari basati sulle tecnologie digitali, prototipi tecnologici e applicazioni, nei settori del making , coding , robotica , internet delle cose (IoT) , del gaming e gamification , progetti di creatività digitale (arte, musica, valorizzazione del patrimonio storico, artistico, culturale, ambientale, con le tecnologie digitali, storytelling , tinkering ), di utilizzo delle nuove tecnologie per inclusione e accessibilità, STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), di sviluppo sostenibile del territorio attraverso le tecnologie digitali. Il Premio Scuola Digitale prevede una fase provinciale/territoriale, una successiva fase regionale e, infine, una fase nazionale.

Le scuole polo provinciali,

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.