Resta in contatto con noi!

Tecnodid continua ad assicurare informazione e supporto operativo per gli utenti del settore scolastico.
Ricordiamo che è possibile contattarci telefonicamente al numero 081.44.19.22 dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00 o attraverso il nostro indirizzo email: ordini@tecnodid.it. Le spedizioni dei libri si effettuano con cadenza settimanale in tutta Italia.

IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota Ministero dell'Interno 18.04.2018, prot. n. 5264

Decreto 21 marzo 2018. Attività scolastiche e asili nido - Controlli in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Con Decreto 21 marzo 2018 del Ministero dell'Interno di concerto con il Ministero dell'Istruzione, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 marzo 2018, sono state fornite indicazioni programmatiche in merito all'adeguamento alla normativa antincendio degli edifici e dei locali adibiti a scuole e asili nido.

Come noto, infatti, il 31 dicembre 2017, è scaduto il termine per l'adeguamento delle scuole alle misure di cui al DM 26 agosto 1992 e degli asili nido alle misure di cui all'art. 6, comma 1, lettera a) del DM 16 luglio 2014; restano valide le scadenze di adeguamento fissate dal D.M. 16 luglio 2014 per gli asili nido che hanno presentato entro i termini la SCIA riferita ai primi adeguamenti.

Il Decreto fa salvi gli obblighi stabiliti dagli articoli 3 e 4 del DPR 151/2011.

Il personale del CNVVF, nell'attività di vigilanza ispettiva svolta sul territorio, potrebbe trovarsi in presenza di attività scolastiche e di asili nido in esercizio senza SCIA ovvero in esercizio senza il completo adeguamento alle disposizioni normative.

In tali casi, poiché le scuole e gli asili nido rientrano nell'ambito di applicazione della normativa riguardante la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, è applicabile il D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, per cui - ove si ricontrassero inadempienze - vanno attivate le procedure previste dal D.lgs. 12 dicembre 1994, n. 758 per le contravvenzioni rilevate.

Qualora fossero accertate violazioni, dovranno essere valutate le condizioni di rischio, la rilevanza dell'inosservanza alla normativa di prevenzione incendi ovvero dell'inadempimento di prescrizioni e obblighi a carico dei soggetti responsabili delle attività, al fine di adottare i provvedimenti di urgenza per la messa in sicurezza dell'ambiente di lavoro e di individuare le specifiche prescrizioni da imporre nell'ambito de

Per proseguire con la lettura è necessario accedere al sito.