Il termine per la presentazione delle domande dei contributi Editoria per le Istituzioni scolastiche è prorogato al 14 gennaio 2022

IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 06.03.2017, prot. n. 9684

Documento di lavoro per lo sviluppo del Piano di formazione docenti 2016-2019. Questioni operative.

La progressiva attuazione del Piano triennale per la formazione dei docenti (DM 797/2016) rappresenta una linea di lavoro strategica che impegna l'Amministrazione Scolastica nelle sue diverse articolazioni e tutte le Istituzioni Scolastiche, anche nelle forme collaborative rese possibili dalle reti.

Il Piano nazionale mette a disposizione della scuola significative risorse finanziarie, che sono state assegnate a scuole polo capofila per la formazione, individuate a livello di ogni ambito territoriale. Il Piano deve rispondere alle esigenze formative manifestate dagli insegnanti e dalle scuole, attraverso una offerta di iniziative di qualità, coerenti con le priorità, le metodologie e i contenuti previsti a livello nazionale, ma capaci di valorizzare l'iniziativa culturale e professionale dei docenti e delle scuole nei diversi contesti territoriali.

Non si tratta di allestire corsi di aggiornamento fini a se stessi, ma di avviare, com'è noto, un vero e proprio sistema permanente per la formazione in servizio, che vede una pluralità di soggetti coinvolti: il MIUR, gli USR, le reti di scuole, le singole scuole, gli enti e le agenzie accreditati e qualificati, gli stessi docenti che a tal fine dispongono anche di un bonus (carta del docente) che può essere utilizzato per finalità formative.

Si conferma la centralità delle scuole nella predisposizione del Piano Formativo di istituto, da inserire nel Piano Triennale dell'Offerta Formativa e da aggiornare alla luce delle opportunità formative che via via saranno messe a disposizione dall'Amministrazione centrale e periferica e dai piani territoriali in fase di elaborazione. L'insieme di queste opportunità richiede di essere pensata e regolata attraverso una attenta governance multilivello, ove ciascun soggetto senta di poter esprimere al meglio il proprio apporto di idee e di soluzioni operative.

A tal fine, questa Direzione Generale del Personale ha realizzato nelle scorse settimane una

Per proseguire con la lettura è necessario accedere al sito.