Il termine per la presentazione delle domande dei contributi Editoria per le Istituzioni scolastiche è prorogato al 14 gennaio 2022

IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 05.09.2016, prot. n. 2852

Organico dell'autonomia.

Premessa

La Legge 107/2015 si pone la finalità strategica di "dare piena attuazione all'autonomia delle istituzioni scolastiche".

Tutti gli strumenti (organizzativi, operativi e finanziari) in essa previsti sono, quindi, funzionali al raggiungimento degli obiettivi didattici, educativi e formativi indicati nella legge stessa e, al contempo, servono a dare nuovo impulso agli elementi già presenti nel sistema nazionale di istruzione, frutto di oltre 15 anni di lavoro intenso e proficuo delle istituzioni scolastiche autonome.

In tale prospettiva, l'introduzione dell'organico dell'autonomia costituisce uno degli elementi più innovativi a servizio delle scuole, in quanto funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e progettuali emergenti dal Piano Triennale dell'Offerta Formativa.

L'anno scolastico 2015/2016 è stato un anno "di prima applicazione", nel corso del quale si è avviato un processo di grande cambiamento anche grazie all'utilizzazione dell'organico dell'autonomia.

Nel corso dell'anno scolastico 2015/2016, inoltre, è stato bandito ed è in via di espletamento il concorso docenti e, contemporaneamente, è in fase di attuazione il nuovo sistema di individuazione e nomina "per competenze" dei docenti, che rappresenta uno dei cambiamenti più significativi introdotti dalla Legge 107/2015.

Si può quindi facilmente comprendere come tutto il sistema nazionale di istruzione stia attraversando una fase di importante evoluzione e si stia muovendo verso un'organizzazione più flessibile e, soprattutto, più coerente con la scuola dell'autonomia.

È chiaro, anche, che una così significativa innovazione, che ha coinvolto dirigenti, docenti, personale ATA, Amministrazione scolastica centrale e territoriale, può presentare talune difficoltà in fase di prima applicazione.

Nonostante ciò, le scuole hanno risposto in maniera ampiamente soddisfacente e positiva, realizzando, già nel corso dell'a.s. 2015/201

Per proseguire con la lettura è necessario accedere al sito.