IperTesto Unico IperTesto Unico

Delibera Corte dei conti 26.09.2012, n. 21

Sentenze in materia di silenzio inadempimento.

La Corte dei Conti

A Sezioni riunite in sede di controllo

Presiedute dal Presidente della Corte, Luigi GIAMPAOLINO e composte dai magistrati

Presidenti di sezione: Giuseppe S. LAROSA, Giorgio CLEMENTE, Maurizio MELONI, Nicola MASTROPASQUA, Mario FALCUCCI;

Consiglieri: Carlo CHIAPPINELLI, Simonetta ROSA, Ermanno GRANELLI, Antonio FRITTELLA, Giovanni COPPOLA, Massimo ROMANO, Vincenzo PALOMBA, Luigi PACIFICO, Francesco TARGIA;

Primo Referendario: Alessandra SANGUIGNI

Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con r.d. 12 luglio 1934, n. 1214, e successive modificazioni;

vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, e successive modificazioni;

visto il regolamento per l'organizzazione delle funzioni di controllo, approvato dalle Sezioni riunite con deliberazione 16 giugno 2000, n. 14/DEL/2000, poi modificato, dalle stesse Sezioni, con le deliberazioni 3 luglio 2003, n. 2, e 17 dicembre 2004, n. 1, e dal Consiglio di Presidenza con la deliberazione 19 giugno 2008, n. 229, e, in particolare, l'articolo 6, comma 2;

visto l'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35;

vista la nota n. 848 del 29 maggio 2012, con la quale il Segretario generale propone di investire le Sezioni Riunite della Corte dei conti della problematica relativa all'interpretazione dell'articolo 1, comma 1, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante "disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo", con riferimento, in particolare, all'individuazione dell'Ufficio della Corte dei conti destinatario della trasmissione, in via telematica, delle sentenze passate in giudicato che accolgono il ricorso proposto avverso il silenzio inadempimento dell'Amministrazione;

vista l'Ordinanza Presidenziale n. 13/2012 del 6 luglio 2012 di deferimento alle Sezioni riunite in sede di controllo della questione prospettata dal Seg

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.