IperTesto Unico IperTesto Unico

C.M. MIUR 06.09.2012, n. 77

Decreto ministeriale 18 luglio 2012 di definizione del programma nazionale di promozione delle eccellenze concernente gli studenti delle scuole di istruzione secondaria superiore, statali e paritarie, per l'anno scolastico 2012/2013.

Si informano le SS.LL. che il Ministro, con il D.M. 18 luglio 2012 , registrato dalla Corte dei Conti il 7 agosto 2012 (reg. 11 - foglio 291), ha definito il programma nazionale di promozione delle eccellenze per il riconoscimento del merito con la previsione di incentivi nei confronti degli studenti delle scuole secondarie superiori, per l'a.s. 2012/2013.

Gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che raggiungono risultati elevati nelle competizioni riconosciute nella tabella A, allegata al provvedimento del Ministro del 18 luglio 2012, e gli studenti che ottengono la votazione di 100 e lode agli esami di Stato sono premiati con uno dei seguenti incentivi:

a) benefit e accreditamenti per l'accesso a biblioteche, musei, istituti e luoghi della cultura;

b) ammissione a tirocini formativi;

c) partecipazione ad iniziative formative organizzate da centri scientifici nazionali con destinazione rivolta alla qualità della formazione scolastica;

d) viaggi di istruzione e visite presso centri specialistici;

e) benefici di tipo economico;

f) altre forme di incentivo secondo intese e accordi stabiliti con soggetti pubblici e privati.

Gli incentivi di tipo economico corrisposti a favore degli studenti meritevoli non sono assoggettati ad alcun regime fiscale in quanto tali "incentivi perseguono la finalità di interesse generale di stimolare e accrescere in senso ampio l'interesse degli studenti al conseguimento di un più elevato livello di formazione culturale e professionale", secondo quanto precisato dall'Agenzia delle Entrate con Risoluzione n. 280/E/2009.

Le risorse finanziarie saranno inviate alle scuole frequentate dai ragazzi meritevoli perché provvedano alla premiazione degli studenti con uno dei suddetti incentivi previsti dall'art. 4 del decreto legislativo 29 dicembre 2007, n. 262.

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.