IperTesto Unico IperTesto Unico

Comunicato MIUR 20.11.2012

20 novembre - Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia.

Il 20 novembre 1989 l'Assemblea Generale dell'Onu ha approvato la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia, nota a livello internazionale come "Convention on the rights of the Child", successivamente ratificato dalla quasi totalità degli Stati membri risultando il documento internazionale più approvato nella Storia.

In Italia è diventato Legge dello Stato il 27 maggio 1991 - con la Legge n. 176 - ed è tuttora lo strumento giuridico più importante a livello mondiale per la tutela di ogni bambina e di ogni bambino, riconosciuto come soggetto attivo di diritti che deve potersi esprimere ed essere ascoltato in merito a tutte le questioni che lo riguardano.

I contenuti della Convenzione sono da sempre materia di approfondimento e discussione nelle aule delle scuole di ogni ordine e grado del nostro Paese, e la data del 20 novembre è ormai entrata di fatto nel calendario scolastico come occasione per attuare iniziative specifiche e momenti di riflessione dedicati ai temi dell'uguaglianza, dell'inclusione, della partecipazione e dell'ascolto.

In occasione del ventennale inoltre il Miur e l'Unicef hanno dato vita ad un Progetto pilota denominato "Verso una Scuola Amica" - giunto con successo al suo quarto anno - che vede più di mille Istituti scolastici impegnati sui temi oggetto della convenzione per ottenere l'attestazione di Scuola Amica, ovvero una scuola "dove la Convezione sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza è conosciuta nei suoi contenuti, ma soprattutto viene attuata e vissuta quotidianamente, e per questo bambini e ragazzi ne diventano protagonisti".

Il prossimo 20 novembre, nel promuovere le iniziative per le Celebrazioni della Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia, sarà l'occasione per invitare le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado ad organizzare, nel pieno rispetto dell'autonomia didattica ed organizzativa e in collaborazione con l'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, i Garanti del

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.