IperTesto Unico IperTesto Unico

C.M. Ministero dell'Economia e delle Finanze 22.05.2012, n. 18

Attività di riscontro in materia di beni mobili dello Stato - Novità normative e aspetti operativi consequenziali - Amministrazioni e Organismi statali esclusi dall'ambito applicativo del D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254 - Indicazioni e chiarimenti.

Premessa

Come ben noto, tra i compiti istituzionali svolti da codesti uffici, appartenenti al sistema delle ragionerie del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato (di seguito, anche 'uffici riscontranti'), va annoverata l'attività di vigilanza sul patrimonio statale, in particolare relativamente ai beni materiali, con finalità sia di tutela sia informative. A tale ultimo riguardo, è appena il caso di rammentare come le risultanze della consistenza patrimoniale dei beni statali concorrono alla formazione del Conto Generale del Patrimonio dello Stato (articolo 36 della legge 31 dicembre 2009, n. 196).

Ciò posto, stante le recenti novità normative introdotte sui riscontri in materia di beni mobili dello Stato, si reputa funzionale, oltre a darne adeguato rilievo, fornire alcune utili indicazioni in proposito, sviluppando in chiave operativa la ratio sottostante alle predette novità.

Con l'occasione, poi, si espongono specifiche considerazioni inerenti ai controlli di pertinenza degli uffici riscontranti in relazione alle Amministrazioni e agli Organismi statali esclusi dall'ambito di applicazione delineato dal D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, recante il "Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato" (d'ora in poi, 'Regolamento').

1. Novità normative recate dal decreto-legge n. 5/2012 in ordine all'attività di vigilanza sulla gestione dei beni mobili statali

Il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, recante "Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo" (il cui testo, coordinato con le modifiche apportate in sede di conversione, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 82 del 6 aprile 2012 - Supplemento ordinario n. 69), ha abrogato, a far data dal sessantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione, talune disposizioni del 'R

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.