IperTesto Unico IperTesto Unico

Comunicato MIUR 05.01.2012

"Scuola in chiaro" - Precisazioni.

A seguito delle numerose telefonate pervenute, si ritiene opportuno assicurare le istituzioni scolastiche sul fatto che, come già specificato nella nota operativa prot. n. 6756 del 30 dicembre 2011, l'inserimento, la modifica o l'integrazione delle informazioni di loro esclusiva conoscenza (didattica, servizi offerti, valutazione, eventuale presenza di modelli personalizzati per le iscrizioni, ecc.), nell'Area SIDI - Rilevazioni - "Scuola in chiaro", possono essere effettuate in qualunque momento ed in via continuativa, anche dopo il 12 gennaio 2012 dall'istituzione scolastica interessata. Tali funzioni, infatti, non sono soggette a chiusura, proprio per consentire alle istituzioni scolastiche di fornire all'utenza informazioni sempre aggiornate che le rappresentino nella loro attualità.

Si fa presente che per l'accesso all'applicazione "Scuola in chiaro" sono state profilate le utenze del Dirigente scolastico e del Direttore dei Servizi amministrativi. Questi potranno a loro volta profilare altre eventuali utenze.

Per quanto riguarda il servizio delle "iscrizioni on line", messo a disposizione delle famiglie interessate in alternativa alla tradizionale iscrizione cartacea presso la scuola, è necessario fornire ulteriori chiarimenti.

In particolare, si fa riferimento al caso in cui una famiglia non abbia la possibilità di scannerizzare ed inviare in formato digitale tutti i documenti richiesti dalla procedura.

In tal caso si può compilare anche solo il form iniziale, utile per l'avvio dell'iscrizione, che dovrà essere perfezionata con il successivo invio, a mezzo posta o mediante diretta consegna dei documenti richiesti, alla segreteria scolastica competente, entro il termine ultimo 20 febbraio 2012 (fissato dalla circolare sulle iscrizioni del 29 dicembre 2011, n. 110).

In questo caso, di diretta consegna, i documenti devono essere recapitati alla scuola primaria per l'iscrizione al primo anno della scuola primaria e per l'iscr

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.