IperTesto Unico IperTesto Unico

C.M. MIUR 02.08.2012, n. 71

Assegnazione risorse finanziarie per la scuola in ospedale e l'istruzione domiciliare, per l'anno scolastico 2012 - 2013 (ex L. 440/1997, A.F. 2012).

A completamento e seguito delle indicazioni operative già fornite con la C.M. n. 60, prot. n. 0004439 del 16/07/2012, che qui si intende integralmente richiamata, si trasmette il piano di riparto delle risorse finanziarie a favore di codesti Uffici Scolastici Regionali, in termini di cassa, destinate a garantire i servizi di scuola in ospedale e di istruzione domiciliare per l'anno scolastico 2012/2013.

Il finanziamento complessivo pari ad euro 2.820.000,00 viene ripartito tra gli Uffici Scolastici Regionali in relazione all'attuale assetto della scuola in ospedale, alla crescente diffusione e richiesta del servizio di istruzione domiciliare, al numero di docenti ospedalieri, al numero di progetti di istruzione domiciliare, al numero di alunni iscritti per ogni regione, alle regioni con aree metropolitane e di rilevante complessità.

La tabella, di seguito riportata, contiene le risorse, ex L. 440/1997, attribuite a ciascun Ufficio Scolastico Regionale sulla base dei criteri indicati e delle azioni di monitoraggio effettuate da codesti Uffici:

- finanziamento di euro 1.200.000,00 per interventi a favore degli alunni ricoverati in ospedale o seguiti in regime di day hospital, per la formazione e per l'istruzione domiciliare;

- finanziamento di euro 1.520,000,00, specificamente per interventi a favore dell'istruzione domiciliare degli alunni già ospedalizzati;

- finanziamento di euro 100.000,00 all'USR Lazio, finalizzata alla realizzazione di percorsi formativi per il personale della scuola in ospedale e dell'istruzione domiciliare da realizzare in presenza e on line, nonché all'ulteriore sviluppo e potenziamento del portale della scuola in ospedale e della sua interattività con l'utenza a livello regionale.

Riguardo all'utilizzo delle risorse, si rinnovano i criteri preferenziali da osservare per la ripartizione delle stesse, secondo il seguente ordine di priorità:

- assegnazione della quota corrispondente all'import

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.