IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota circolare PCM 21.04.2011, prot. n. 26191

Comitato dei garanti - art. 22 del d.lgs. n. 165 del 2001. Adempimenti per la costituzione.

È necessario procedere alla costituzione del Comitato dei garanti, organismo di garanzia per i dirigenti delle Amministrazioni dello Stato con il compito di esprimere pareri sui provvedimenti indicati dall'art. 21, commi 1 e 1-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

L'art. 42, comma 1, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, recante "Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni", ha integralmente sostituito l'art. 22 del citato d.lgs. n. 165 del 2001, riformando la disciplina relativa alla costituzione del Comitato dei garanti.

Sulla base della novella normativa, il Comitato dei garanti risulta composto da un consigliere della Corte dei conti, designato dal suo Presidente, e da quattro componenti, designati rispettivamente uno dal Presidente della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche, uno dal Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, esperto scelto tra soggetti con specifica qualificazione ed esperienza nei settori dell'organizzazione amministrativa e del lavoro pubblico, e due scelti tra dirigenti di uffici dirigenziali generali, di cui almeno uno appartenente agli Organismi indipendenti di valutazione, estratti a sorte fra coloro che presentano la propria candidatura.

Il Ministro per la riforma della pubblica amministrazione e l'innovazione ha già avviato le formalità per acquisire il nominativo da parte del Presidente della Corte dei conti e del Presidente della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità, nonché per l'individuazione del componente esperto di propria designazione.

Occorre quindi avviare la procedura per l'individuazione dei due componenti i cui nominativi devono essere estratti a sorte tra i dirigenti delle Amministrazioni dello Stato.

La presente nota è pertanto diretta a f

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.