IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 27.10.2010, prot. n. 9583

Cattedre della scuola secondaria di I grado costituite con le sole ore di approfondimento di materie letterarie.

Si fa riferimento ai numerosi quesiti relativi alla possibilità o meno di costituzione e rendere funzionale le cattedre di Italiano, storia e geografia formate solo con l'ora da destinare alle attività di approfondimento riferite agli insegnamenti di materie letterarie e all'insegnamento di "Cittadinanza e Costituzione".

Al riguardo si osserva quanto segue.

Si premette che il D.P.R. n. 89 del 20 marzo 2009 , regolamento relativo al riordino del primo ciclo, ha stabilito il nuovo quadro orario settimanale della lezioni della scuola secondaria di I grado e che il D.M. n. 37 del 26 marzo 2009 ha regolato la composizione delle cattedre derivanti dai nuovi quadri orario e, per quanto attiene all'utilizzo dell'ora di approfondimento ha previsto: "Un'ora settimanale di approfondimento in materie letterarie - non costituisce cattedra - Contribuisce alla formazione di cattedra interne in fase residuale sia con classi a tempo normale che a tempo prolungato".

La costituzione di cattedre con sole 18 ore di approfondimento è stata, pertanto, prevista, a livello informatico e in via residuale, al solo fine di determinare una ulteriore disponibilità utile per le immissioni in ruolo, per i movimenti e le utilizzazioni e per le supplenze.

Da quanto sopra discende che le norme non prevedono la formazione di cattedre costituite con sole ore di approfondimento, compreso l'insegnamento di cittadinanza e costituzione, e tale insegnamento potrà essere assegnato, in via generale, solo a completamento di un posto orario (es. 9 ore di italiano, storia e geografia più 9 ore di approfondimento).

Qualora dovesse rendersi comunque necessario la formazione di un posto orario tutto di 18 ore di approfondimento, sarà cura delle istituzioni scolastiche, nell'esercizio dell'autonomia didattica e organizzativa prevista dal DPR 275/99, adottare le soluzioni didat

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.