IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 12.10.2010, prot. n. 7224

Una rete di biblioteche scolastiche per le competenze chiave del XXI secolo - A.S. 2010/2011.

Il MIUR, la Commissione Nazionale Biblioteche Scolastiche dell'AIB (Associazione Nazionale Biblioteche), la Facoltà di Scienze della Formazione e il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi di Padova, la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi "Roma Tre" propongono il Progetto "Una rete di biblioteche scolastiche per le competenze chiave del XXI secolo" per la valorizzazione delle biblioteche scolastiche come "luoghi di cultura".

Il progetto ha lo scopo di favorire l'integrazione tra il curricolo scolastico e i nuovi apprendimenti compresi quelli informativi, digitali e multimediali.

Codesti Uffici sono invitati a nominare un referente di progetto che curi la diffusione dell'iniziativa fra le Istituzioni scolastiche di appartenenza, sollecitando la costituzione di reti scolastiche che potranno presentare uno o più progetti aderenti alle diverse finalità declinate nella presente nota entro il 15 dicembre 2010.

La documentazione sarà successivamente inviata agli indirizzi e-mail citati nel Progetto in allegato.

 

Allegato 1 - Progetto Una rete di biblioteche scolastiche per le competenze chiave del XXI secolo - A.S. 2010/2011

Premessa

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e l'AIB (Associazione Italiana Biblioteche) - Commissione Nazionale Biblioteche Scolastiche, in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione e il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi di Padova, con la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi "Roma Tre", propongono il progetto "Una rete di biblioteche scolastiche per le competenze chiave del XXI secolo" con l'intento di valorizzare le strutture bibliotecarie scolastiche, in quanto luoghi deputati ad incrementare la cultura del libro (sui più diversi supporti) ed il piacere di leggere, nonché a

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.