IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 29.11.2010, prot. n. 4836

Personale Comparto Scuola - Gestione della sede di servizio del personale ATA.

Si comunica che dal giorno 26 novembre è disponibile una nuova funzione SIDI per la comunicazione della sede di servizio del personale ATA.

Gli uffici destinatari della presente dovranno acquisire, per tutto il personale titolare nella provincia, la sede di servizio assegnata per il corrente anno scolastico, laddove diversa da quella di titolarità.

Questo adempimento ha varie finalità:

- mantenere costantemente allineata la banca dati, per tutte le necessità informative dell'Amministrazione;

- consentire alle segreterie scolastiche la corretta fruizione delle funzionalità del SIDI dell'area Gestione Giuridica e dell'area Assenze;

- comunicare alle altre Amministrazioni interessate (MEF e INPDAP) la corretta sede di riferimento.

Si fa presente, in particolare, che la correttezza, la completezza e la tempestività della comunicazione relativa alla sede di servizio sono di notevole importanza nella procedura di erogazione unificata delle competenze fisse ed accessorie, c.d. "Cedolino Unico" (art. 2, comma 197, Legge 23 dicembre 2009, n. 191).

La funzione in oggetto è disponibile per le utenze degli ambiti scolastici territoriali alla voce "Personale ATA" dell'area "Mobilità in organico di fatto" e consente l'inserimento e la cancellazione delle seguenti operazioni:

- assegnazione a sede provvisoria (personale neo-immesso)

- assegnazione provvisoria

- utilizzazione

- utilizzazione ex art. 11 bis CCNI

- incarico ex art. 59 CCNL/2007

Le operazioni di inserimento dati saranno consentite sino al 26 gennaio 2011.

Per ulteriori dettagli si rinvia al manuale utente "Mobilità in organico di fatto" disponibile nella sezione "Procedimenti Amministrativi - Mobilità - Guide operative". Per ogni ulteriore chiarimento è possibile contattare i seguenti nominativi:

Alina De Santis - 06/58492389; alina.desantis@istruzione.it

Daniela Palmentieri - 06/58493664; daniela.palment

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.