IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 25.11.2010, prot. n. 10453

Mobilità professionale personale ATA - modelli di contratti - invio telematico al MEF.

In adesione a quanto indicato dalla DGSSSI con nota in pari data, si conferma che a decorrere dal 26 p.v. sono rese disponibili le funzioni del Sistema informativo finalizzate alla acquisizione dei dati necessari per la stampa dei contratti di lavoro a tempo indeterminato, per la mobilità professionale di cui in oggetto.

Detti contratti, non appena perfezionati con la sottoscrizione del beneficiario della mobilità e del competente dirigente scolastico, devono essere trasmessi con invio telematico al MEF, per l'aggiornamento della posizione stipendiale conseguente alla nuova titolarità.

Come già precisato con nota 15 ottobre c.a. prot. n. 9250, al personale in argomento è assegnata, per il 2010/2011, una sede provvisoria di servizio.

La titolarità del primo anno, necessaria per la partecipazione alla mobilità, è invece attribuita con codice meccanografico distintivo della dotazione organica della provincia. Tale dato, ovviamente identico per tutti i contratti della medesima provincia, compare prestampato nel modello fac-simile di contratto.

La sede definitiva è poi attribuita, a domanda dell'interessato ovvero d'ufficio dall'Amministrazione, a decorrere dal 1.9.2011, secondo criteri e modalità disciplinati dal ccni relativo all'anno scolastico 2011/2012, in fase di elaborazione.

Come indicato più volte, gli effetti giuridici della nomina decorrono dal 1° settembre c.a.- Quelli economici si concretizzano, invece, dalla data di effettiva assunzione in servizio.

Qualora le SS.LL., per particolarissime esigenze e previo consenso e/o richiesta degli interessati, abbiano rinviato l'assunzione in servizio a data successiva al 31 agosto 2011 (ferma restando la decorrenza giuridica al 1° settembre 2010), risulterà necessario disporre, nel contesto della prossima mobilità del personale, il pertinente accantonamento del numero di posti corrispondente al personale in parola.

Il rinvio della assunzione in servizio al prossimo an

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.