IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota 30.07.2010, n. 3066

Proroghe contratti di supplenza a carico MEF.

Da verifiche effettuate congiuntamente con il MEF si è accertato che non tutte le istituzioni scolastiche seguono le istruzioni operative, già fornite con analoga nota 1635 del 25.6.2009 per la predisposizione, mediante le funzioni del SIDI, dei contratti di supplenza con decorrenza successiva al 30 giugno, con pagamento a carico del MEF.

Si tratta, in particolare, delle seguenti casistiche:

a) personale ATA già destinatario di contratto fino al termine delle attività didattiche: proroghe di contratti per lo svolgimento di attività rientranti in quanto previsto dal comma 7 dell'art. 1 del vigente Regolamento sul conferimento delle supplenze del personale A.T.A.;

b) personale docente di scuola secondaria di II grado già destinatario di contratto fino al termine delle attività didattiche: contratti stipulati per le operazioni di verifica e integrazione dello scrutinio finale.

Le applicazioni disponibili alla voce "Gestione assunzioni a tempo determinato - Supplenze Annuali e Fino al Termine delle Attività" , "Stampe" e "Gestione Flussi MEF" sono state modificate per gestire con il codice N22 - PROROGA DEL SERVIZIO i contratti di cui trattasi. La procedura verifica che il servizio con codice N22 venga acquisito esclusivamente in presenza di un precedente contratto con codice N11 o N14, per la stessa sede e lo stesso tipo posto o classe di concorso o profilo o area professionale; è a carico degli utenti ogni altra verifica di congruenza con il contratto di riferimento.

Si sottolinea, infine, che i contratti in oggetto,come nel decorso anno, sono trasmessi per via telematica sia alla Ragioneria Territoriale che a SPT per il pagamento, con le modalità previste dal "Progetto Dematerializzazione Contratti". Ulteriori dettagli sull'utilizzo delle procedure sono come di consueto contenuti nell'apposito manuale utente disponibile nel portale SIDI, mentre per i riferimenti amministrativi si rinvia alle note diramate dalla Direzione Generale

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.