IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 21.07.2010, prot. n. 2905

Avviso preliminare di Bandi per Cl@ssi 2.0.

L'azione Cl@ssi 2.0 del Piano Scuola Digitale, già avviata nelle scuole statali secondarie di primo grado, sarà estesa alle scuole primarie statali e alle scuole secondarie statali di secondo grado. L'azione Cl@ssi 2.0 intende favorire l'innovazione degli ambienti di apprendimento utilizzando le potenzialità delle ICT.

Con la presente si intende avvisare le istituzioni scolastiche che il 6 settembre 2010 verranno pubblicati i relativi bandi e che le scuole potranno esprimere le proprie candidature on-line nel corso dello stesso mese. Faranno seguito le procedure di valutazione e selezione.

Le attività si svolgeranno nel triennio 2010-2013 e ciascuna istituzione scolastica potrà candidare una sola classe. Nel caso delle scuole statali primarie potrà candidarsi una classe terza mentre per le scuole secondarie statali di secondo grado una classe prima.

Per candidarsi le scuole dovranno predisporre un documento, denominato Idea 2.0, che descriva l'idea di innovazione relativamente all'ambiente di apprendimento che si intende realizzare nella classe individuata. Tale documento sarà considerato elemento fondamentale nella valutazione della candidatura.

Si riportano di seguito, a livello indicativo ed in via non esaustiva, alcuni ambiti sui quali Idea 2.0 potrà essere sviluppata:

- nuovi linguaggi, formali, non formali ed informali;

- specifiche soluzioni hardware e software strettamente connesse e funzionali alla trasformazione dell'ambiente di apprendimento;

- contenuti digitali e ambienti di simulazione;

- raccordo tra ambienti di apprendimento in presenza e a distanza;

- centralità degli apprendimenti, nuovi saperi, sviluppo delle competenze.

Nel presentare le candidature le scuole dovranno assicurare tra l'altro alcuni requisiti, quali:

- la disponibilità a realizzare, partendo da quanto espresso nell'Idea 2.0, la progettazione dei processi didattici e organizzativi anche attraverso la ret

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.