IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 15.07.2010, prot. n. 6747

Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e A.T.A. per l'a.s. 2010/2011.

Si trasmette, per gli adempimenti di competenza, il Contratto Collettivo Nazionale Integrativo concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e A.T.A. per l'a.s. 2010/2011 sottoscritto in data 15 luglio 2010.

Le SS.LL. vorranno immediatamente attivarsi al fine di avviare, in linea con quanto disposto, la contrattazione decentrata regionale a cui si rimette la definizione di criteri e procedure di impiego di personale, in relazione anche a specifiche esigenze e situazioni locali. A tal fine si raccomanda la massima tempestività per garantire l'ordinato avvio del prossimo anno scolastico.

Al fine di realizzare il reimpiego qualificato di tutto il personale in soprannumero o in esubero e la piena realizzazione degli obiettivi formativi e curriculari previsti per ciascun ordine di scuola, assicurando la continuità didattica ed il riconoscimento delle competenze professionali, le SS.LL. valorizzeranno, tra l'altro, la possibilità di utilizzazione dei docenti della scuola secondaria di II grado per il potenziamento delle attività dell'offerta formativa in virtù dell'entrata in vigore della recente riforma ordinamentale.

Le SS.LL. inoltre terranno conto che nel piano delle disponibilità rientrano anche i posti di ufficio tecnico di cui all'art. 8 comma 7 del D.P.R. 87/2010 per il riordino degli istituti professionali e all'art. 8 comma 4 del D.P.R. 88/2010 per il riordino degli istituti tecnici.

Si richiama l'attenzione sull'utilizzo dei docenti di religione con contratto a tempo indeterminato che non trovano la disponibilità di ore nell'attuale scuola di servizio. Detti docenti, fatto salvo quanto previsto agli artt. 2 e 7 del CCNI sottoscritto il 15.7.2010, sono utilizzati, per completamento cattedra o per l'intero orario, in altra scuola della stessa diocesi.

Le doma

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.