IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 08.07.2010, prot. n. 2537

Attività di supporto all'attuazione del riordino del secondo ciclo.

Gentile Professoressa,

Gentile Professore,

nel prossimo anno scolastico le prime classi degli istituti di istruzione secondaria superiore saranno interessate dall'avvio del riordino del secondo ciclo. Il nuovo assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei, degli istituti tecnici e degli istituti professionali richiederà un impegno considerevole a tutto il personale della scuola e, in particolare, ai docenti.

È con questa consapevolezza che l'amministrazione sta promuovendo un piano di attività di accompagnamento, di durata pluriennale, articolato in fasi e programmi, che sostenga le scuole nel passaggio ai nuovi ordinamenti.

Abbiamo individuato come primo obiettivo quello di assicurare a tutti gli operatori scolastici una corretta e puntuale informazione sui Regolamenti e sul dibattito che ha contribuito alla loro definizione, sulle Linee Guida per gli istituti tecnici e gli istituti professionali e sulle Indicazioni nazionali per i licei. Vi segnaliamo, allo scopo, i sistemi di comunicazione online predisposti dall'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica (ANSAS), ove è possibile consultare e scaricare la documentazione relativa (http://nuovilicei.indire.it, http://nuovitecnici.indire.it, http://nuoviprofessionali.indire.it raggiungibili anche dalla pagina di sintesi complessiva presente all'indirizzo: http://archivio.pubblica.istruzione.it/riforma_superiori/nuovesuperiori/index.html).

Si tratta di documenti che necessitano di un'attenta lettura, approfondimento e discussione all'interno di ogni istituzione scolastica e del territorio affinché si possa avviare, anche sul piano della didattica, quel processo di innovazione che è negli obiettivi dei Regolamenti pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 15 giugno u.s. e che possa anche preludere ad eventuali ulteriori miglioramenti degli ordinamenti.

I siti attivati per favorire "il dialogo" continueranno ad essere il luogo di riferimento in re

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.