IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 09.06.2010, prot. n. 5706

Organico di diritto del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario (Ata) - Anno scolastico 2010/2011 - Trasmissione schema di decreto interministeriale.

Si trasmette, in allegato, lo schema di decreto interministeriale concernente l'oggetto, al fine di consentire alle SS.LL., per garantire il corretto e regolare avvio del prossimo anno scolastico, di definire tempestivamente le procedure relative alla determinazione dell'organico e, quindi, della mobilità del personale.

Eventuali modifiche che dovessero essere apportate al provvedimento, in sede di disamina congiunta con il Dicastero dell'economia, saranno tempestivamente rese note per l'adozione degli eventuali provvedimenti di conseguenza.

Come già operato per l'anno scolastico 2009/2010, mediante il decreto interministeriale 20 luglio 2009, n. 65, con l'odierno schema di decreto viene data attuazione, per il secondo anno, al regolamento approvato con il D.P.R. 22 giugno 2009, n. 119 con il quale è stato previsto che nel triennio 2009-2011 le dotazioni del personale Ata debbano essere ridotte, rispetto al 2008/2009, nella misura del 17% dell'organico relativo all'anno scolastico 2007/2008. Viene apportata, altresì, per l'ultimo anno, l'ulteriore riduzione di 1.000 posti, secondo quanto previsto dalla Finanziaria n. 244/2007.

In via preliminare, si ritiene opportuno porre in evidenza che allo schema di decreto sono allegate le analoghe tabelle annesse al citato regolamento. L'applicazione delle medesime ingenera la riduzione complessiva prevista, a regime, a decorrere dall'anno scolastico 2011/2012. Di conseguenza, in analogia alla modalità adottata per il corrente anno scolastico, le tabelle 1, 2 e 3 saranno applicate, mediante le apposite procedure del sistema informativo, nella misura di 2/3 rispetto al loro sviluppo complessivo.

Si evidenzia, inoltre, l'esigenza che in attuazione del regolamento medesimo, le SS.LL. avviino con la massima tempestività le necessarie interlocuzioni con la regione e gli enti locali, al fin

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.