IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 03.06.2010, prot. n. 5521

Dirigenti scolastici - Conferimento e mutamento d'incarico - A.S. 2010/2011.

A seguito della sottoscrizione dell'Ipotesi di C.C.N.L. - Area V - dirigenza scolastica in data 19.5.2010, la disciplina dei criteri per il conferimento ed il mutamento degli incarichi ai dirigenti scolastici non è più ricompresa tra le fattispecie oggetto di contrattazione collettiva integrativa nazionale e integrativa regionale, come previsto nel precedente C.C.N.L. - Area V - dirigenza scolastica dell'11.4.2006.

Attualmente, detta materia è assoggettata alla disciplina generale dell'art. 19 del D.L.vo n. 165 del 2001 così come modificato dall'art. 3 della Legge n. 145 del 2002 e alle disposizioni contenute negli artt. 6 e 9 dell'Ipotesi di C.C.N.L. - Area V - dirigenza scolastica del 19.5.2010 allo stato in attesa di sottoscrizione definitiva.

 

Conferimento dell'incarico

Articolo 19 - D.L.vo n. 165/2001:

"1. Per il conferimento di ciascun incarico di funzione dirigenziale si tiene conto, in relazione alla natura e alle caratteristiche degli obiettivi prefissati, delle attitudini e delle capacità professionali del singolo dirigente, valutate anche in considerazione dei risultati conseguiti con riferimento agli obiettivi fissati nella direttiva annuale e negli altri atti di indirizzo del Ministro ...";

"2. Tutti gli incarichi di funzione dirigenziale nelle amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, sono conferiti secondo le disposizioni del presente articolo. Con il provvedimento di conferimento dell'incarico, ... ..., sono individuati l'oggetto dell'incarico e gli obiettivi da conseguire, con riferimento alle priorità, ai piani e ai programmi definiti dall'organo di vertice nei propri atti di indirizzo e alle eventuali modifiche degli stessi che intervengano nel corso del rapporto, nonché la durata dell'incarico, che deve essere correlata agli obiettivi prefissati e che, comunque, non può eccedere, per gli incarichi di funzione dirigenziale di cui ai commi 3 e 4, il termine di tre anni e, per gli

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.