IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 16.02.2010, prot. n. 588

Progetto "Servizi scuola-famiglia via Web".

Nell'ambito di quanto previsto dall'art. 7 del protocollo firmato, in data 30 ottobre 2008, dal Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione e dal Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, è stata avviata, congiuntamente al Dipartimento della innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la realizzazione del progetto "Servizi scuola-famiglia via web".

Il progetto, che viene sviluppato per la componente centrale nell'ambito del sistema informativo dell'Amministrazione dell'istruzione, mette a disposizione delle istituzioni scolastiche una piattaforma tecnologica ed applicativa che consente alle stesse di erogare, in modalità standardizzata e secondo precise policy di sicurezza ed accessibilità, un insieme di servizi via internet alla propria comunità di utenti, ed in particolare alle famiglie dei propri studenti.

I dati necessari all'erogazione dei servizi sono attinti dai sistemi di gestione della segreteria scolastica, o da applicazioni complementari, e confluiscono nel portale centralizzato secondo modalità automatiche già sperimentate in occasione di altre iniziative e che non comportano ulteriore aggravio di lavoro per le segreterie medesime.

Ciò premesso, si comunica che a decorrere dal 18 febbraio 2010, è disponibile on line, all'indirizzo www.scuolamia.istruzione.it, il portale dei "Servizi scuola-famiglia via web" (Scuola Mia), all'interno del quale sono già implementate le seguenti applicazioni:

- Comunicazioni della scuola alle famiglie attraverso vari canali (e-mail, sms, ecc.);

- Avviso ai genitori di assenze (giornaliere e periodiche) e ritardi;

- Prenotazione colloqui con i docenti;

- Visualizzazione della pagella in formato elettronico;

- Rilascio di certificati scolastici.

Si precisa, inoltre, che sono in corso di sviluppo ulteriori servizi, i quali saranno resi disponibili nel corso dell'anno; dell'attivazione degli stessi si darà no

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.