IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota MIUR 09.12.2010, n. 10872

Avvio delle attività per la formazione dei docenti di disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera secondo la metodologia Content and Language Integrated Learning (CLIL).

I profondi rinnovamenti introdotti dai DD.PP.RR. attuativi della Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado nn. 87/2010, 88/2010 e 89/2010 prevedono l'insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in una lingua straniera nell'ultimo anno di Licei e Istituti Tecnici e negli ultimi tre anni dei Licei Linguistici, ponendo l'Italia in linea con altri paesi d'Europa.

Nella pianificazione di attività formative dirette a coloro che opereranno nel futuro scenario prospettato dalla Riforma, si considera determinante dedicare particolare attenzione a questa innovazione didattica per la quale sono necessarie specifiche competenze negli insegnamenti.

In attesa che il Decreto emanato il 10 settembre 2010 dal Ministro dell'Istruzione, dell'università e della Ricerca (Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola primaria della scuola secondaria di primo e secondo grado, ai sensi dell'art. 2, comma 416, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244) venga registrato, la scrivente Direzione Generale intende attivare percorsi formativi finalizzati all'acquisizione di competenze linguistiche e metodologico-didattiche per l'insegnamento di cui sopra.

Tali percorsi sono rivolti a docenti di discipline non linguistiche di scuola secondaria di secondo grado:

- a tempo indeterminato

- a tempo determinato in possesso di abilitazione e inseriti a pieno titolo nell'anno scolastico 2010-2011 nelle graduatorie ad esaurimento previste dall'art. 1, c. 605, lettera C della Legge 27 dicembre 2006 n. 296 e destinatari del D.M. 68 del 30 luglio 2010.

Requisito di accesso ai percorsi di formazione che questa Direzione avvia con la presente nota è il possesso di competenze linguistico-comunicative nella lingua veicolare di livello almeno B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d'Europa.

Tale livello potrà essere certif

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.