IperTesto Unico IperTesto Unico

Nota INPDAP 03.08.2010, prot. n. 10560

Art. 12 del Decreto Legge n. 78 del 31 maggio 2010 convertito con modifiche nella Legge 30 luglio 2010 n. 122 - Interventi in materia previdenziale.

Nel Supplemento ordinario n. 174/L della Gazzetta ufficiale n. 176 del 30 luglio 2010, è stata pubblicata la legge n. 122/2010 di conversione, con modificazioni, del decreto legge 31 maggio 2010 n. 78. Per espressa previsione contenuta nel testo, la legge in esame entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

In attesa di emanare una specifica Circolare sulla materia si ritiene opportuno indicare le novità maggiormente rilevanti introdotte dall'articolo 12, integrando quelle già fornite con nota divulgativa n. 7627 dell'11 giugno 2010.

• Decorrenze dei trattamenti pensionistici derivanti da totalizzazione (comma 3)

La nuova formulazione del comma in esame specifica che la prevista finestra mobile di 18 mesi trova applicazione solo per coloro che maturano i prescritti requisiti, in regime di totalizzazione, dal 1° gennaio 2011; resta, pertanto, inalterato il regime delle decorrenze dei trattamenti pensionistici derivanti da totalizzazione qualora i prescritti requisiti siano maturati entro il 31 dicembre 2010.

• Deroghe al pagamento in forma rateale dei trattamenti di fine servizio e di ogni altra indennità equipollente corrisposta una tantum (comma 9)

Il testo originario del decreto è stato modificato eliminando la parola "accolte". Conseguentemente chi ha presentato la domanda di dimissioni dal servizio entro il 30 maggio 2010 avrà diritto a ricevere il pagamento di dette prestazioni in un'unica soluzione, nei termini e secondo le modalità vigenti in materia, sempreché la cessazione dall'impiego avvenga entro il 30 novembre 2010. È stato altresì specificato che la domanda di cessazione deve considerarsi irrevocabile non solo in caso di accoglimento della stessa ma anche nell'ipotesi di semplice presa d'atto da parte dell'amministrazione/ente datore di lavoro.

• Adeguamento dei requisiti d'accesso al sistema pensionistico a decorrere dal 1° gennaio 2015 (com

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.