IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare Ministero del lavoro e della previdenza sociale 23.05.2000, n. 30

Disposizioni per la gestione dei fondi relativi all'art. 9, comma 3, della legge n. 236/1993 per interventi di formazione continua. (G.U. 03.06.2000, n. 128)

1. FINALITÀ GENERALI

Nel rispetto di quanto previsto all'art. 9 comma 3 della Legge n. 236 del 19.7.1993, considerate le circolari applicative del MLPS n.174 del 23 dicembre 1996, pubblicata sulla G.U. della Repubblica Italiana del 9 gennaio 1997 e n. 37 del 19 marzo 1998, pubblicata sulla G.U. della Repubblica Italiana n. 77 del 2 aprile 1998 e n. 139 del 22 dicembre 1998 pubblicata sulla G.U. della Repubblica Italiana del 4 gennaio 1999, il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, in accordo con le Regioni e le Province autonome e sentite le Parti sociali, intende implementare il programma di azioni già avviato valorizzando la collaborazione funzionale con gli Enti locali e il partenariato sociale.

Per attività di formazione professionale continua , nella presente circolare, si intendono quelle attività rivolte ai soggetti adulti occupati alle quali il lavoratore può partecipare anche per autonoma scelta, ovvero quelle predisposte dalle aziende, al fine di adeguare o di elevare le professionalità e competenze in stretta connessione con l'innovazione tecnologica ed organizzativa del processo produttivo.

I progetti da realizzare, con priorità per quelli concordati tra le Parti sociali, dovranno appartenere alle linee d'azione di seguito indicate.

2. AZIONI DI FORMAZIONE AZIENDALE E DI FORMAZIONE INDIVIDUALE DI LAVORATORI OCCUPATI

Per azioni formative aziendali si intendono gli interventi promossi dalle imprese per accompagnare i processi di trasformazione e di ristrutturazione delle stesse. Tali interventi dovranno essere realizzati attraverso piani aziendali o pluriaziendali.

Per azioni di formazione individuale si intendono gli interventi sperimentali finalizzati al bilancio e allo sviluppo delle competenze possedute da lavoratori dipendenti, sulla base di progetti elaborati da singoli lavoratori che possono utilizzare l'assistenza tecnica di Centri di orientame

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.