IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 20.09.1996, n. 598

44a Giornata europea della scuola - Anno scolastico 1996/97.

Durante l'anno scolastico 1996/97 si svolgerà la 44 a edizione della Giornata europea della scuola patrocinata dal Consiglio d'Europa, dal Parlamento europeo, dalla Commissione delle comunità europee e dalla Fondazione europea della cultura.

La manifestazione interesserà gli studenti dei Paesi membri del Consiglio d'Europa e di molti altri Paesi dell'Europa centro-orientale che hanno recentemente aderito alla Convenzione culturale europea.

Il comitato internazionale della Giornata europea della scuola ha proposto, per questa edizione del concorso, il seguente tema generale:

"Quale cultura per l'Europa del XXI secolo?"

La fine del secolo, infatti, non può non stimolare una riflessione sulla sua eredità nel campo dell'educazione in termini non solo di risultati raggiunti ma anche di problemi da risolvere in una società che appare sempre più caratterizzata dalla complessità, dal dinamismo, dallo sviluppo tecnologico e dalla necessità della cooperazione internazionale.

La 44 a Giornata europea della scuola seguirà le linee organizzative già date per gli ultimi anni scolastici con le circolari ministeriali n. 264 del 27 agosto 1993 e seguenti.

Per quanto riguarda il corso delle attività e gli adempimenti delle scuole, dei Provveditorati e degli IRRSAE si rimanda alle modalità già illustrate nella citata circolare n. 264.

Gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado dovranno concludere i lavori proposti nell'allegato 1, entro il 1 marzo 1997.

Entro il 30 marzo 1997 ciascuna scuola dell'obbligo invierà le due prove giudicate migliori (una figurativa ed una scritta) al competente Provveditorato agli studi, che, per il tramite di apposita commissione, selezionerà le quattro prove migliori e procederà alle relative premiazioni.

Entro la stessa data, le scuole secondarie superiori inveiranno le produzioni e le ricerche effettuate dagli studenti ai competenti IRRSAE.

Entro il 30 apr

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.