IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 16.10.1996, n. 653

Trasmissione direttiva n. 600 del 23 settembre 1996.

Con l'unità direttiva si forniscono linee di indirizzo per la presentazione, attuazione, monitoraggio e valutazione degli interventi di educazione alla salute da parte delle scuole di ogni ordine e grado e per lo svolgimento di attività di formazione.

Tali interventi ed attività sono finanziati dalla Presidenza del Consiglio - Dipartimento per gli Affari Sociali - ai sensi del comma 1 dell'art. 127 d.P.R. 309/90 e riguardano gli esercizi finanziari 1994 e 1995, resti 1996.

La misura complessiva degli stanziamenti e la denominazione dei progetti sono indicati nell'allegato A alla direttiva. Sono, altresì, allegati i piani di riparto provinciali, distinti per anno finanziario, relativi a ciascun progetto ed attività.

Di seguito sono riassunti gli aspetti che caratterizzano la presente direttiva:

- integrazione degli interventi per l'educazione alla salute con quelli mirati a contrastare i fenomeni di dispersione scolastica ed a sostenere l'attuazione degli interventi didattici ed educativi di cui alla circolare n. 492 del 7/8/1996, nel quadro più generale delle iniziative per rimotivare allo studio i giovani.

Resta inteso che specifici interventi in favore degli studenti il cui profitto risulti insufficiente sono finanziati con i fondi allo scopo destinati sul cap. 1047 del bilancio di questo ministero;

- integrazione territoriale con enti locali, aziende sanitarie e soggetti del privato sociale per la programmazione degli interventi, lo svolgimento delle attività e l'utilizzazione delle risorse;

- rafforzamento della partecipazione studentesca nella scuola secondaria superiore, anche con riferimento alla direttiva n. 133 del 3/4/1996.

- conseguente adozione da parte dei provveditori agli studi del piano provinciale degli interventi;

Si è ritenuto opportuno trasmettere il testo della direttiva, pur in attesa della registrazione da parte della Corte dei Conti, affinché i provveditori agli studi possano p

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.