IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 09.05.1996, n. 180

Personale docente statale che debba svolgere la campagna elettorale. Fruibilità dell'aspettativa di cui all'articolo 24 del C.C.N.L. Risposta a quesiti.

A seguito della circolare di questo Ministero n. 369 del 12 dicembre 1995, si trasmette, per opportuna conoscenza e norma, il telefax n. 3121 del 17 aprile 1996, con il quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri--Dipartimento per la Funzione Pubblica, in risposta ad apposito quesito formulato dallo scrivente, ha chiarito che: «in relazione alla problematica posta da questo Ministero con nota n. 19583 in data 27 marzo 1996, si comunica che a giudizio di questo Dipartimento, il dipendente del Comparto Scuola che in occasione di una consultazione generale partecipa come candidato alla relativa campagna elettorale, può essere ammesso a fruire, in aggiunta ai tre giorni di permesso retribuito ed ai sei giorni di ferie previsti rispettivamente dagli articoli 21, comma 2, e 19, comma 9, del nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro, anche ove richiesto in modo specifico, di un ulteriore periodo di aspettativa, ai sensi dell'art. 24 dello stesso contratto, tenuto conto del vincolo imposto a tale personale per il godimento delle ferie durante l'anno scolastico e della genericità dei motivi che possono giustificare la concessione di detta aspettativa.

Si fa comunque presente che, in caso di concessione di tale istituto, all'interessato deve essere espressamente comunicato che l'aspettativa comporta la perdita sia della retribuzione che del computo del trattamento di quiescenza e di previdenza per il relativo periodo, così come previsto dall'articolo 69 del D.P.R. n. 3 del 1957».

I Provveditori agli Studi, i Sovrintendenti Scolastici per le province di Trento e Bolzano e gli intendenti Scolastici della provincia di Bolzano sono pregati di riprodurre la presente circolare e di trasmetterla ai capi delle istituzioni scolastiche ed educative statali delle rispettive circoscrizioni, compresi i direttori dei conservatori di musica, delle accademie di belle arti, di arte drammatica e di danza ed i coordinatori degli I.S.I.A.

 

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.