IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 09.02.1996, n. 65

Comparto scuola - Riconoscimento dei servizi pre-ruolo al personale docente, educativo e A.T.A..

In relazione ai numerosi quesiti pervenuti si forniscono chiarimenti su alcuni aspetti relativi al riconoscimento di servizi pre-ruolo nei confronti del personale docente, educativo ed A.T.A.

A - Personale docente

1) Insegnamento prestato nelle scuole popolari

Con riferimento all'argomento di cui trattasi, si precisa che la C.M. n. 33 del 15 febbraio 1992 afferma, tra l'altro, che l'insegnamento nelle scuole popolari è disciplinato da una specifica normativa (D.L.C.P.S. n. 1599/47, Legge n. 326/53, art. 2 Legge n. 576/70, O.M. n. 251/70, C.M. n. 256/77, art. 47 Legge n. 270/82) e che, pertanto, le modalità di riconoscimento del relativo servizio non sono state modificate dalla O.M. n. 262/91. La materia rimane, quindi, disciplinata dalle precedenti disposizioni, riprese, per la loro attuale statuizione, dall'art. 485, comma 3, del D.L.Vo n. 297/94.

2) Servizio prestato nei centri di lettura

Con particolare riferimento al servizio prestato nei Centri di lettura si precisa l'esatta interpretazione da fornire alla su citata C.M. n. 33/92. Tale tipo di servizio potrà essere valutato, ai sensi dell'O.M. n. 251/70, così come modificata dalla successiva C.M. n. 256/77, «quando sia stato qualificato e sia stato reso nell'anno per almeno 5 mesi o per tutta la durata fissata, di volta in volta, per ciascun tipo di istituzione con il possesso del prescritto titolo di studio».

3) Numero minimo di ore settimanali di insegnamento necessarie per il riconoscimento

Perplessità sono state segnalate in ordine alla possibilità di procedere alla valutazione dei servizi prestati per meno di sei ore settimanali di insegnamento.

Al riguardo, si rammenta come ad una prima circolare (C.M. 7 settembre 1970, n. 275, ed allegata O.M. 7 settembre 1970) di natura restrittiva, con la quale viene introdotta la condizione della prestazione minima di sei ore di insegnamento per la valutabilità del servizio, ha fatto poi seguito la C.M

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.