IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 09.02.1996, n. 63

Decreto interministeriale n. 326 del 12 ottobre 1995. Compensi per iniziative di aggiornamento e formazione del personale ispettivo, direttivo, docente e A.T.A..

Si trasmette l'unito decreto interministeriale n. 326 del 12 ottobre 1995, registrato dalla Corte dei Conti in data 1 febbraio 1996, reg. 1, fg. 39, concernente la determinazione dei compensi spettanti al personale impegnato nella realizzazione delle attività di aggiornamento, di formazione e di riconversione professionale previste dal contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto scuola, sottoscritto in data 4 agosto 1995.

I nuovi compensi sono i seguenti:

- fino ad un massimo di L. 80.000 giornaliere per le attività di direzione, organizzazione e controllo;

- fino ad un massimo di L. 80.000 orarie (elevabili a L. 100.000 per i professori universitari) per l'attività di coordinamento scientifico, progettazione, monitoraggio e valutazione degli interventi;

- fino ad un massimo di L. 80.000 orarie (elevabili a L. 100.000 per i professori universitari) per l'attività di docenza;

- fino ad un massimo di L. 50.000 orarie per l'assistenza tutoriale, per il coordinamento dei lavori di gruppo o delle esercitazioni previste dal progetto formativo.

Il compenso orario per le attività svolte dal personale A.T.A. per la collaborazione alla realizzazione dei predetti interventi formativi è fissato nella misura oraria stabilita per le attività aggiuntive disciplinate dall'art. 54 del vigente C.C.N.L..

Nel trasmettere il decreto si reputa opportuno richiamare l'attenzione delle SS.LL. sulle significative novità da esso introdotte, che non si limitano all'adeguamento dell'entità dei compensi fissati dal D.I. 13 giugno 1986 ma prevedono anche nuove funzioni remunerabili, in vista di una maggiore articolazione dei possibili modelli organizzativi delle iniziative di formazione e aggiornamento.

Il D.I. n. 326/1995, infatti, mira a valorizzare gli aspetti progettuali, generali e specifici, delle iniziative formative, che vanno pertanto definiti con precisione - anche sotto il profilo dei costi - secondo i criteri fissati

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.