IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 07.02.1996, n. 46

Formazione delle commissioni giudicatrici degli esami di maturità professionale, classica, scientifica, magistrale, tecnica, artistica, di arte applicata e di licenza linguistica per l'anno scolastico 1995/96.

Avvertenze

I criteri di nomina dei componenti le commissioni d'esame di maturità, stabiliti dall'art. 198, comma 3, del D.L.vo 16 aprile 1994, n. 297, così come integrato dall'art. 23, comma 1, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, richiedono che la scelta dei membri delle commissioni da parte del Ministero, ad eccezione dei membri interni, sia effettuata tra il personale docente con sede di servizio o di abituale dimora nella provincia di cui fa parte il comune sede di esame e che, per le discipline per le quali non sia possibile effettuare nomine nell'ambito provinciale, gli aspiranti siano nominati nel seguente ordine:

- docenti provenienti da provincia limitrofa;

- docenti provenienti da altra provincia della stessa regione;

- docenti provenienti da altra regione.

Peraltro, il vincolo di spesa fissato dalla stessa legge (art. 23, secondo comma) impone di effettuare le nomine - nel rispetto dell'ordine prima indicato - il più possibile nell'ambito del comune di servizio o di dimora degli aspiranti, in modo che la spesa rimanga nei limiti di bilancio.

Il personale avente titolo alla nomina a Presidente, per la stessa motivazione, può esprimere le preferenze nell'ambito della regione in cui si trova la sede di servizio o di dimora abituale.

Di conseguenza, il sistema di nomina e le procedure automatizzate gestite dal Sistema Informativo sono stati impostati in modo da rispettare i suddetti vincoli fissati dalla legge e, pertanto, gli aspiranti sono invitati, nel compilare il modulo domanda, a indicare le preferenze seguendo le indicazioni di cui alla sezione «sedi richieste» della presente circolare.

Per quanto riguarda il compenso fortettario spettante ai componenti le Commissioni si rimanda all'apposito decreto interministeriale previsto dall'art. 23 della legge n. 724/1994 prima citato.

Anche con i suddetti nuovi criteri, al fine di agevolare la formazione delle Commissioni giudicatrici, f

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.