IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 24.12.1996, n. 766

L. 104/92 - Indicazioni utilizzo finanziamenti - e.f. 1996 (Capp. 1149-1150-1151-1152).

Con precedente provvedimento ministeriale sono stati ripartiti su base oggettiva, per l'anno scolastico 1996, i fondi previsti dalla legge quadro 104/92 per l'integrazione scolastica degli alunni disabili ed afferenti ai capitoli in oggetto (1149, 1150, 1151 e 1152).

In relazione anche a segnalate incertezze operative ed attesa la particolare delicatezza e rilevanza sociale degli interessi da tutelare, si ritiene utile richiamare il quadro di riferimento normativo e fornire orientamenti di indirizzo che valgano a sostenere e valorizzare gli ambiti di autonomia decisionale a livello locale, oltre che, nel contempo, a chiarire i connessi profili di competenza riconducibili ai diversi soggetti istituzionali chiamati ad operare.

 

1. Indicazioni di carattere generale

Il progetto educativo individualizzato, che per effetto della citata legge 104/92 deve qualificare l'offerta educativa della scuola, si fonda, per la sua efficacia, sull'autonomia della singola scuola, nonché sulla capacità di questa di porsi in un'ottica complessiva di integrazione sistemica ed interistituzionale delle risorse personali e materiali disponibili.

Per converso, l'azione dei provveditorati agli studi deve mirare a facilitare e sostenere l'autonomia delle scuole nella più ampia dimensione sia della programmazione sia del coordinamento organico di tutte le opportunità esistenti sul territorio, delle quali i finanziamenti in oggetto costituiscono una delle modalità, sia pur significativa, di intervento.

In tale prospettiva si pongono, altresì, la collaborazione e l'apporto, per gli ambiti di specifica competenza, dei diversi soggetti, istituzionali o non, quali A.S.L., Regioni, Enti locali, enti e associazioni del privato sociale, il cui coinvolgimento sin dalla fase progettuale può consentire, nella condivisione degli obiettivi ed attraverso l'articolazione programmata delle azioni, quegli interventi integrati chiaramente sollecitati dall

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.