IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 24.04.1996, n. 157

Contratto collettivo di lavoro comparto scuola. Norme in materia disciplinare. Costituzione Collegi arbitrali di disciplina.

In esecuzione di quanto previsto dall'art. 59, commi 7 e 8, del Decreto Legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modificazioni, cui fa rinvio l'art. 58, comma 9 del Contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto scuola, si rende necessario che le SS.LL. procedano alla costituzione dei Collegi arbitrali di disciplina, organi deputati a decidere le impugnative proposte dal personale amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola avverso i provvedimenti disciplinari di cui agli artt. 57 e seguenti del citato contratto collettivo.

Le modalità di costituzione e di funzionamento dei predetti Collegi arbitrali - che dovranno operare a livello provinciale - sono disciplinate dal citato art. 59, commi 7 e 8 del decreto legislativo n. 29/1993 e successive modificazioni.

Per quanto riguarda in particolare le modalità di designazione dei 10 rappresentanti dell'Amministrazione e dei 10 rappresentanti dei dipendenti, da cui trarre, a rotazione, i componenti del Collegio arbitrale, le SS.LL. provvederanno a sentire le OO.SS., come previsto dall'art. 59, comma 8, del suindicato decreto legislativo. Al riguardo si ritiene opportuno fornire di seguito alcune indicazioni orientative, che non pregiudicano tuttavia la legittimità di scelte diverse eventualmente già operate in materia in esecuzione della cennata normativa.

Requisiti per la partecipazione ai collegi arbitrali

In analogia con quanto previsto per il personale del comparto statale, i requisiti essenziali per la partecipazione al Collegio arbitrale possono essere individuati nei seguenti:

a) aver manifestato la disponibilità ad assolvere l'incarico;

b) aver maturato una anzianità di servizio di norma di almeno cinque anni;

c) non essere stato sottoposto a procedimento disciplinare di norma da almeno cinque anni;

d) non essere mai stato sottoposto a procedimento penale, salvo il caso in cui quest'ultimo si sia concluso con una sentenza di prosc

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.