IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 08.08.1996, n. 498

Personale docente ed educativo con contratto a tempo determinato; personale docente con contratto di incarico annuale per l'insegnamento della religione cattolica. Trattamento pensionistico.

L'art. 42 - comma 1 - del Testo Unico approvato con il D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, nel testo sostituito dall'art. 27 - comma 1 - della legge 29 aprile 1976, n. 177, dispone: "Il dipendente civile che cessa dal servizio per raggiungimento del limite di età o per infermità non dipendente da causa di servizio ha diritto alla pensione normale se ha compiuto quindici anni di servizio effettivo".

Sull'applicabilità della statuizione del suddetto art. 42 - comma 1 - al personale già denominato "non di ruolo" il Consiglio di Stato - Commissione Speciale Pubblico Impiego -, a seguito di esplicita richiesta di questo Ministero, ha espresso, nell'adunanza del 20 novembre 1985, l'unito parere n. 355.

Il predetto Consesso ha, tra l'altro, affermato: "Deve pertanto ritenersi che ai docenti non di ruolo - e, più in generale, all'intero personale statale non di ruolo - non è applicabile la disposizione contenuta nell'art. 42, primo comma, D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, nel testo sostituito dell'art. 27 L. 29 aprile 1976, n. 177, giacché il loro rapporto di lavoro è regolato da una normativa speciale non contrastante con i principi costituzionali".

Si forniscono, alla luce del parere di cui trattasi, le seguenti istruzioni in ordine al trattamento di quiescenza spettante al personale specificato in oggetto.

Poiché il Consiglio di Stato ha fatto riferimento alla specifica disciplina dettata per il personale "non di ruolo", occorre, per quanto riguarda i docenti "non di ruolo", tener presente innanzi tutto il precetto normativo dell'art. 8 - comma 5 - della legge 28 luglio 1961, n. 831, che prevede, per tali insegnanti, il diritto alla pensione con almeno 20 anni di servizio effettivo. Tuttavia la prescrizione di detto comma 5, considerata l'evoluzione legislativa intervenuta in materia di quiescenza, va correlata con le norme contenute nel D.L.vo 30 dicembre 1992, n. 503 e nella legge 8 agosto 1995, n. 335 per il requisito di anzianità richiest

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.